Proverbi a modo mio

proverbiNon ho una grande simpatia per i proverbi. O meglio: non ho una grande simpatia per chi li usa. Chi ne fa ricorso (spesso pure a sproposito) vi si nasconde culturalmente dietro credendo che possano prendere il posto di una spiegazione dovuta o che, peggio ancora, costituiscano un passepartout per capire (e spiegare agli altri) la complessità della vita.

Ed è per questo che uso i proverbi a modo mio (raccolti in questa pagina) cui ho dato un significato (ironico e) diverso nel solo (vano) tentativo di ‘smontarne’ l’autoreferenzialità e la prosopopea.

  • Se sono rose pungeranno;
  • Chi dorme non piglia manrovesci;
  • Tanto ruttò che svenne;
  • Can che miagola non sta bene;
  • Chi la fa tiri lo sciacquone;
  • Non dire gatto se non dai di matto;
  • A chi troppo vuole nulla sfugge;
  • Quando si chiude una porta spesso si apre solo un tombino;
  • Can che abbaia t’assorda;
  • Chi va piano va sano ma nessuno lo aspetta;
  • Oste sulla soglia non è come lui voglia;
  • Tanto va la gatta al lardo che puoi pure scordarti il panino;
  • Piove sul bagnato e pure sull’asciutto;
  • Non è tutto oro quello che ti vendono;
  • Le bugie hanno le gambe corte ma sovente i tacchi alti;
  • Moglie e buoi son fatti tuoi;
  • Gatta ci prova;
  • Chi va con lo zoppo impara a zappare;
[space]
attenzione
Ultimo aggiornamento: 18 maggio 2019
[space]
[space]

↵ ↵ torna alla pagina di ‘INFO

<– Aforismi scelti
–> Gli Over100