Recensione: Il telefono senza fili

Il telefono senza filiIl telefono senza fili è il quinto libro che leggo di Marco Malvaldi (dopo Argento vivo, Il gioco delle tre carte, La briscola in cinque, Milioni di milioni) ed è il terzo della serie BarLume.

Mi sento quindi qui di confermare, trattandosi dell’ultimo lavoro in ordine di tempo della menzionata serie, l’impressione riportata tempo fa: si sta concludendo quel processo trasformativo che avevo notato crescere via via nelle precedenti opere, secondo cui il focus narrativo è sempre meno rivolto alla costruzione di una trama (secondo i canoni tipici del romanzo giallo) e sempre più assorbito dalle vicissitudini dei quattro vecchietti del BarLume (Ampelio, Gino, Pilade e il Rimediotti), la cui sinergia corrosiva e simpatica, spiega ampiamente le ragioni del meritato successo di Malvaldi.

Gli arzillli vegliardi sono personaggi a tutto tondo, senza dubbio molto ben delineati e pieni di sostanza, capaci spesso, anzi, sempre più spesso, di rubare la scena non solo a Tiziana e alla bella commissaria Alice, ma allo stesso ‘barrista’ Massimo, che è poi colui che risolve l’enigma per la sua perspicua capacità di ‘insight’. Il dialetto toscano funziona poi a meraviglia nel renderli vivi e veri ed è giusto che l’Autore vi faccia sovente ricorso visto che sull’utilizzo del vernacolo, Camilleri e Niffoi, per citarne solo alcuni, e per altri dialetti ben più complicati, hanno sul punto fatto scuola.

Tutto ciò, replicando anche in questo libro la stessa formula, (dopo l’amplificazione della, a dir la verità, assai sbiadita trasposizione televisiva de ‘I delitti del BarLume’) finisce tuttavia per andare del tutto a scapito della trama del romanzo che rimane esile, semplice, poco originale, in alcuni momenti persino un po’ ‘tirata’, come per farla ‘tornare’ a tutti i costi, a quadrare il libro. La vera ‘trama’ sono e rimangono i vecchietti che interagiscono tra loro e con l’ambiente circostante, costituendo il vero punto trainante, la storia, a prescindere dalle storie che via via ruotano e si succedono intorno a loro e che, tutto sommato, sono irrilevanti. Come se la vicenda di turno fosse solo la scusa per vedere in azione il quartetto, a prescindere.

Pervade peraltro in questo libro anche un po’ di stanchezza, di usura per l’utilizzo di questo canovaccio che sta diventando, nel tempo, frustro e uguale a se stesso.

Sicuramente mi sento di consigliare il libro, perché è leggero e scivola via senza impegno. Se fosse un vino, potrebbe fregiarsi dell’appellativo di ‘beverino’. Ci sono colpi d’ala, momenti molto godibili, ma nel complesso è sottotono.

Su una scala da 1 a 5, per i pregi e difetti riscontrati, merita tre mucchine.

[space](space)
(space)
[space]

[spac

Il telefono senza fili
di Marco Malvaldi
Sellerio editore Palermo
collana ‘La memoria’
2014, 208 pagine, brossura
EAN 9788838932281
finito di leggere oggi, 26 novembre 2014 in formato cartaceo
valutazione 3/5 mucchine
 

↵ ↵ torna alla pagina di Recensioni dei Libri

<– Morte a Firenze
–> Dora Bruder

Lasciami un tuo pensiero