Infografica dei crediti letterari di Briciolanellatte Weblog


Per ottenere il pdf dell’infografica clicca –> CREDIT oppure fai direttamente clic sull’immagine qui sopra.

L’infografica indica quali sono i miei credits letterari che io mi riconosco, quali cioè le influenze che alcuni Autori hanno avuto sulla mia scrittura e il mio modo di essere scrittore.

Per comprendere com’è stata (pensata e) strutturata l’infografica va detto che ho tenuto conto sia dell’ampiezza della singola influenza, rappresentata dalla lunghezza orizzontale della barra con il relativo nome dell’Autore, sia dell’inizio (nel tempo) di tale positiva ‘contaminazione’ (di quando cioè la medesima si è venuta a manifestare rispetto alle altre) rappresentata, nello stesso disegno, dallo sviluppo dal basso verso l’alto del grafico, dove, alla base, c’è il credito più remoto e, in alto, quello più recente.

La compresenza dei diversi influssi (nuovi e vecchi) significa dunque che, a tutt’oggi, sono tutti compresenti avendo agito gli stessi in stratificazione essendosi in buona sostanza le ultime contaminazioni aggiunte alla precedenti con cui si sono stanzialmente fuse.

[space]

↵ ↵ torna alla pagina di ‘INFO

<– Crediti letterari di Briciolanellatte Weblog
–> Contenuti specifici del Blog

2 pensieri su “Infografica dei crediti letterari di Briciolanellatte Weblog

  1. un'arianna – Sono un'arianna e quindi nel labirinto per trovare la strada ho perso me stessa. Qui torno ogni tanto a cercarmi da quando ero poco più che una bambina. Nel frattempo un po' sono cresciuta e ho conseguito una laurea in Inutilità, perciò la mia ricerca continua.
    un'arianna il scrive:

    Quest’idea dell’infografica è semplicemente geniale. Ovviamente sei un pazzo, ma hai tutta la mia stima.
    Devo confessarti però che quando ho iniziato a leggerne la prima associazione che mi è venuta in mente è stata il grafico Prichard de “L’attimo fuggente”. In ogni modo Jonathan Evans Prichard, Professore Emerito, non si avvicina neanche lontanamente alla tua complessità d’analisi.

Lasciami un tuo pensiero