La maschera – Dietro al racconto

Il racconto “La maschera” è costruita, come il precedente “Porta la valigia”, attorno a una metafora palese, così palese da ‘piegare’ la storia alla necessità di volerla esprimere e tanto da farla diventare finanche surreale.

In questo specifico racconto ho voluto riprendere la tematica delle maschere di Pirandello (espressa in particolare nel romanzo ‘Uno, nessuno e centomila’ del 1925) ove ognuno nella realtà di tutti i giorni si trova, per essere accettato, a dover indossare la maschera impostagli dal ruolo, dalla società, dal sistema dei valori eteroimposti dai media (e dai social network in particolare) che ci condizionano e ci plagiano profondamente anche a volte in modo del tutto inconscio.

Lo stesso concetto sarà ripreso e approfondito da Freud con la tematica dell’inconscio e della difesa esterna a protezione dello stesso (super-Io), ma, come ho appena accennato, si tratta in realtà di un problema molto attuale se si considera l’enorme e subdola pressione che il web ha su tutti noi e ai danni che può fare a persone non attrezzate intellettualmente per la resilienza.

Il racconto spinge la metafora del mascheramento verso la sua massima esasperazione, sino cioè a determinare l’irreversibilità del processo di trasformazione e alla definitiva avulsione del protagonista dalla sua vita reale, dalla sua personale nicchia di affetti, per confinarlo definitivamente nel modo della finzione e della ‘falsità sociale’.

Ciò per confermare una volta di più, da una parte, che il sembrare e l’apparire finiscono sempre per essere più importanti dell’essere (confronta anche ‘Avere o Essere‘ di E. Fromm, foto qui a lato) e dall’altra che la pressione esterna dei social media sul nostro mondo è tale da poterlo mandare facilmente in mille pezzi.

Il protagonista, infatti, trova dapprima semplice e agevole assumere strategie adattive diverse nell’ambiente per lui più complicato e disagevole del lavoro (assunzione della maschera come icona della compensazione comportamentale), ma finisce per rimanere imprigionato nella sua stessa alterità non potendo più dismettere la maschera adottata per farsi riconoscere e di nuovo farsi accettare dai suoi stessi cari.

[space]

Vai al racconto –> La maschera

↵↵ torna all’indice Dietro al Racconto

<– L’uomo che nessuno conosceva – Dietro al racconto
–> ***