La luce e le falene

falenaPerché le falene entrano in casa?

Questa è la domanda che ci siamo posti per prima, cui occorre dare subito una risposta (se ci si chiede invece cosa significa sognare una falena –> Cosa significa se sogno una falena?).

Ebbene, la falena entra nelle nostre case non per portare sventura in quanto consapevoli messaggeri tra il mondo dei morti e quello dei vivi, come la tradizione popolare (più truculenta) suggerisce, ma semplicemente perché sono attratte dalla luce.

Questo fenomeno, di natura meramente fisica, e che si chiama fototassi (positiva se il soggetto è attratto dalla luce, negativa se la rifugge, come accade per esempio per gli scarafaggi e i pipistrelli) non è tuttavia esclusiva delle falene (per la fototassi dei batteri –> Ecco come vede un batterio).

Come si sa, molti animali (ma anche le piante) ‘vanno’ verso la luce in modo naturale, quasi ipnotico, tant’è che la tecnica di predisporre una forte sorgente luminosa è adottata sia per cacciare (di frodo) che per la pesca (per esempio per catturare il pesce azzurro con le lampare; per saperne di più –> lampara).

Ritornando alle falene, sembra che queste siano attratte dalla luce artificiale in quanto questa confonderebbe il loro sistema di orientamento (che non è riuscito ad adattarsi all’evoluzione dell’uomo) che, fin dai tempi più antichi, è fondato sulla luna e le stelle.

Mentre gli insetti diurni possono contare infatti sulla illuminazione solare per muoversi, quelli notturni si avvalgono, oltre che dei propri sensi, delle altre luci naturali disponibili, vale a dire, appunto, la luna e le stelle.

La luce artificiale (delle lampadine o dei lampioni che non c’erano quando nella notte dei tempi sono venute al mondo le falene) è tuttavia molto più intensa di quella della luna e delle stelle e inoltre, rispetto a queste, non è unidirezionale non provenendo da un unico punto. La sorgente cioè è sì unica, ma la luce è irradiante e per una farfalla sembra che venga un po’ da ovunque.

Luce-e-faleneLa falena, attratta dalla lampadina di casa, dunque, pensando sia un punto di riferimento, ne rimane disorientata perché incontra una fonte luminosa molto brillante rispetto a quella delle stelle (inquinamento luminoso) oltre che essere diffusa a 360°, vale a dire in tutte le direzioni possibili, sicché finisce per girare intorno alla lampadina senza più capire quale possa essere la direzione giusta indicata dalla fonte stessa, intrecciando così volute sempre più vicine sino a bruciarsi per il calore.

Alcuni studi scientifici (come riporta la rivista Global Change Biology) hanno peraltro messo in correlazione l’inquinamento luminoso con la diminuzione significativa del fenomeno della impollinazione ad opera di questi lepidotteri.

Una ricerca effettuata su falene catturate in ambienti di campagna scarsamente illuminati e su individui presi in ambienti ove invece fosse presente l’illuminazione artificiale è stato rilevato che negli ambienti luminosi non solo le falene portavano meno polline, ma che vi era anche una scarsa varietà di falene e quindi di impollinazione diversificata. Con i lampioni accesi questi insetti notturni sono portati a volare infatti più in alto, ad altezza appunti delle fonti luminose, e quindi lontano dai fiori con una ricaduta negativa sull’intero ecosistema (per un approfondimento del tema, –> L’impollinazione notturna messa a rischio dall’inquinamento luminoso; –> Ambiente. L’inquinamento luminoso).

Un miglioramento si è registrato con l’utilizzo di lampade al led che pare abbia un diverso tipo di impatto quantomeno sul volo delle falene.
[space]

↵↵ torna all’indice La falena in casa

<– Le falene in generale
–>  L’occhio della falena

<– Il gufo irritato e il suo verso
–> Le formiche nelle prese elettriche

<– Indice della Sezione ‘A domanda rispondo
<– LEGGI GLI ALTRI SCRITTI

3 pensieri su “La luce e le falene

  1. Giorno
    Devo ammettere che ora mi sento in colpa, ieri notte ne é entrata una in camera mia e io son terrorizzato da scarafaggi, ragni e falene. Ho chiesto aiuto a mio padre per prenderla delicatamente e rilasciarla fuori casa, ma credo fosse morta perché sentivo che stava bruciandosi più volte intorno al led del lampadario, poi improvvisamente poverina non l ho piu vista e credo si sia messa in qualche anfratto della libreria, o tra essa e la scrivania. Credevo fosse pericolosa per l’uomo e invece mi avete spalancato un mondo, in contrapposizione alla mia ignoranza. Buona giornata!! 🙂

Lasciami un tuo pensiero