Nel buio profondo

casa - abbandonataEra stato avvistato dal telescopio spaziale Hubble quasi un anno e mezzo prima. Era come sbucato all’improvviso da dietro la galassia di Andromeda con una traiettoria decisa verso la via Lattea. Si trattava di un oggetto grande come tre o quattro grattacieli insieme e ruotava su se stesso.
«È il più grande meteorite avvistato da nostri dispositivi ottici» disse entusiasta Lars Halvorsen del Centro Studi Dybtrum di Copenhagen «ed è di una rara composizione ferro-rocciosa che potrà darci molte informazioni sullo spazio esterno.» Gli scienziati di tutto il mondo rivolsero così la loro attenzione su quel nuovo oggetto extra galattico che prometteva meraviglie e la NASA progettò una sonda speciale che potesse atterrare sulla sua superficie.
E man mano che HN-Y6629 si avvicinava (così era stato subito battezzato) dava informazioni di sé sempre più stringenti e importanti; fino a quando, appena poco dopo Pasqua, a Pasadena, l’ingegnere spaziale statunitense John Chavez-Brooks scoprì per primo che i calcoli predittivi davano per certo un impatto con la Terra, in poco meno di sette mesi.
L’effetto di questa notizia, che via via veniva confermata anche da altri Centri spaziali sparsi in tutto il mondo, creò il massimo allarme. Sembrava uno di quei film catastrofici cui il cinema ci aveva abituato. Solo che era la vita reale e non vi era alcuna soluzione praticabile per deviare e o distruggere un meteorite di quelle dimensioni. Avrebbe semplicemente impattato con il nostro pianeta e lo avrebbe spaccato in due.
Le reazioni della gente furono le più varie. Ci furono disordini, sommosse, tentativi di golpe. Ma anche conversioni di massa a questa o quella religione o setta; vi furono suicidi rituali, attacchi di panico, manifestazioni di isterismo collettivo, ma anche manifestazioni di agnosticismo, isolamento, atarassia. L’economia ebbe un tracollo mondiale perché la stragrande maggioranza delle persone, consapevoli della fine imminente, aveva perso il senso del proprio futuro cercando piuttosto di vivere alla giornata e nel modo migliore.
Intanto a Pasadena si era formato un gruppo di scienziati, decisi a trovare una via di uscita.

«Non ho buone notizie» disse un giorno Lars Halvorsen ai colleghi entrando nella Sala Quadrata allestita al Centro di Unità di Crisi Permanente di Palo Alto.
Gli altri alzarono lo sguardo chi dal monitor del computer, chi dall’ultimo report giunto dal telescopio, chi dalla parete di fonte.
«Sul meteorite è apparsa una lucina… Non l’avevamo notata prima perché l’Oggetto ha ruotato di due gradi sul suo asse longitudinale.»
«Una lucina? E allora?» fece l’astronomo di fama mondiale Graham Fujisuke posando una ciambella su un foglio che ne assorbì l’unto. «Si tratterà di un riflesso. Lassù è pieno di fonti di luce che arrivano da chissà dove…» fece masticando a bocca aperta.
«Non questa» fece Halvorsen aggiustandosi gli occhiali dorati sul naso. «Non questa… è intermittente e cambia colore.»
«Dio del cielo!» fece un altro scienziato dalla carnagione olivastra e con i capelli lunghi raccolti in un codino. «È un’astronave.»

Anche questa terribile notizia fece in un attimo il giro del globo aggiungendo caos a disordine. La minaccia comune non determinò l’effetto auspicabile di coalizzare tra loro le Nazioni. Anzi, ogni Stato pensò a sé limitandosi a sollevare nei confronti degli altri accuse di ogni tipo e a ridestare antichi e mai sopiti rancori.
Trascorsero mesi terribili. Oramai l’astronave aliena era visibile a occhio nudo ed era immensa e inquietante. Aveva anche aumentato la sua velocità e il suo ingresso nella nostra atmosfera era questione di giorni se non di ore.
Alla rabbia, allo sconforto, all’isteria dilagante era subentrata la rassegnazione generale. Le poche persone in strada vagavano senza meta, come zombie spaesati. Molti altri erano asserragliati in casa come se vi potessero trovare riparo.
E poi l’astronave, poco prima di entrare nella troposfera, passò oltre, perdendosi ben presto nel buio profondo.

14 pensieri su “Nel buio profondo

  1. Bellissimo e credo che andrebbe veramente così se un asteroide dovesse colpire la Terra.

    A cosa servirebbe un piccolo pianetoide fiondato ad altissima velocità quando possiamo distruggere il pianeta da soli? Sicuramente ci sarebbero golpi e sciacallaggi vari in tutto in mondo in caso di pericolo estremo come quello, ma perché? Tanto non serve a niente fare soldi e prendere il potere, perché la fine del mondo è vicinissima!

    Per quanto riguarda la possibilità di una vita extraterrestre, personalmente ci credo: se l’Universo è sempre in espansione e vecchio di vari miliardi di anni, non avrebbe nessun senso che la Terra sia l’unico pianeta dove la vita è comparsa (al di là di ogni discorso teologico, tanto la nazione che spende di più per la ricerca della vita extraterrestre è il Vaticano). Ma mi chiedo una cosa: perché degli alieni che hanno millenni di anticipo sulle nostre civiltà e sulla nostra tecnologia dovrebbero interessarsi al pianeta dove la “razza dominante” (homo sapiens sapiens) ammazza per soldi o può frantumare le ossa del suo prossimo a colpi di oggetto contundente invocando un motivo calcistico, per esempio? Non credo che un visitatore dall’altra parte della galassia voglia avere da fare con noi per questo motivo e, come nel tuo racconto, l’astronave andrà oltre il pianeta dei bifolchi…

    Non voglio insultare nessuno, eh, ma sottolineare che non siamo così evoluti come amiamo crederlo.

  2. Quando ho letto “Era come sbucato all’improvviso da dietro la galassia di Andromeda con una traiettoria decisa verso la via Lattea” non riuscivo a crederci. 😱

    Cribbio, tutti sanno che in questi casi si dice che l’oggetto proviene “dal buio oltre Plutone”, e poi si calcola la sua traiettoria. Seriamente, messa così la frase è assurda. 🤔

    Però da lì il racconto comincia a migliorare, e devo dire che il finale, semplice e geniale, mi ha veramente sorpreso. 😀

Lasciami un tuo pensiero