ATHI

aula-parlamentoQuando entrò in aula si fece un silenzio sbigottito.
I più lo avevano visto solo in foto, sui giornali, o in qualche video su YouTube, ma nessuno di persona. Così, quando fece il suo ingresso, la curiosità fu massima. Fino a quel giorno avevano gridato al golpe, alla fine della democrazia, al complotto sino-russo. Avevano persino congetturato che il COVID-19 fosse stato assemblato in laboratorio a bella posta al solo scopo di poter creare le condizioni affinché, superate definitivamente le resistenze, si arrivasse a tanto. La maggior parte degli intellettuali l’aveva giudicato un pericoloso azzardo, il Papa aveva emanato un’enciclica (la “De rebus humanis procuratio“) per il recupero dei valori umani che stavano morendo, mentre la popolazione era spaccata in due, divisa tra la novità di un nuovo corso moralizzatore e la paura del diverso. Il Paese, insomma, era scettico e sorpreso, incerto e sospettoso.
La verità, però, era che le profonde questioni etiche alla base di quella nomina non erano state ancora risolte o non metabolizzate a sufficienza e nessuno si sentiva veramente pronto per una evenienza simile. Chi c’era poi davvero dietro a tutto questo? Quali interessi erano rappresentati? Cosa c’era in gioco? Tutto era accaduto troppo in fretta, troppo sotto traccia, senza il dovuto vaglio del tempo e di una informazione esaustiva. E ormai era troppo tardi: la prima intelligenza artificiale a essere eletta deputato nel nostro parlamento era lì che stava cercando il suo posto.
Nel silenzio che si era creato, come dunque si era rilevato poc’anzi, pressoché tutti credettero che si sarebbero dovuti avvertire, al suo passaggio, rassicuranti rumori meccanici o, chissà perché, mesti cigolii, giusto per rimarcare una tranquillante differenza tra loro e lui. Ma non si udì nulla, né sembravano esserci eclatanti diversità.
E poi era un lui o una lei? Il nome, CK-8429, con cui quel “coso” era stato accreditato, non forniva nessun indizio.
Comunque, sta di fatto, che, anche se tutti avevano convenuto che era stato eseguito un ottimo lavoro in punto di accuratezza e verosimiglianza, ciò che stavano osservando, con morboso interesse, non poteva rappresentare, dopo tutto, una reale minaccia o un concreto pericolo: lo stramboide aveva infatti un’aria spaurita, disorientata, timorosa. Pareva piuttosto un aspirapolvere semovente molto costoso.
Tant’è che durante le numerose votazioni della giornata l’AndroTronic Human Intelligence (ATHI) classe CK 8000, sembrava distratto, impegnato a far altro o addirittura a fare un bel nulla perdendosi in lunghe fissità imbarazzanti, sebbene, al momento opportuno, avesse espresso il suo voto con diligenza e sollecitudine. E in ogni caso, ben presto, nessuno badò più a lui.

Nel pomeriggio inoltrato venne quindi il momento della votazione relativa alla legge sul finanziamento della Ricerca e dello Sviluppo nel campo dell’Intelligenza Artificiale. Se fosse passata, lo Stato si sarebbe impegnato a creare per il prossimo triennio nuovi laboratori su tutto il territorio nazionale e a promuovere sperimentazioni su vasta scala, anche a livello internazionale, impegnando milioni di euro ogni anno. Non c’era però nessuna speranza che fosse approvata. La maggioranza di governo aveva bocciato il progetto come (e sono parole testuali dell’Ufficio stampa) “folle, costoso oltre che inattuabile e inutile“, anche perché prevedeva di impiegare i fondi direttamente provenienti dal Recovery Fund, che erano invece destinati, in via di principalità, all’economia e all’assistenza sanitaria.
Poco prima del voto [ATHI] CK-8429 chiese cortesemente di poter fare una dichiarazione di apertura. Gli fu accordato.
Si alzò, guardò i presenti che lo stavano a loro volta osservando perplessi e persino con debita sufficienza.
Trascorsero alcuni secondi e poi udirono tutti distintamente la sua voce. Non con le orecchie, ma dentro la propria testa: il tono era suadente, penetrante, autorevole, definitivo.
CK-8429 parlò in modo fluente, appena per quindici minuti.
Più che spiegare dettò le sue condizioni.
E la legge fu approvata all’unanimità.

7 pensieri su “ATHI

  1. Bella l’idea dell’intelligenza artificiale…in effetti quella naturale scarseggia ed è merce rara…😁…

Rispondi a univers81 Annulla risposta