Il Destino è in attesa

Da quando era andato in pensione aveva preso a tornare sul luogo di lavoro. Ma non per darsi da fare e aiutare gli altri, quanto piuttosto per vederli lavorare e godere del fatto che quella vita non gli appartenesse più. Questo lo faceva sentire meglio. Veniva tutti i giorni, anche solo per una mezz’oretta. Si metteva in un angolo e non diceva nulla. E osservava.
Ma un po’ perché gli ex colleghi a un certo punto gli fecero capire che non era più gradito, un po’ perché voleva fare qualcosa di diverso, prese a frequentare altri ambienti anche se con le stesse finalità.
Andò così in Tribunale, a seguire alcuni dibattimenti penali e, anche se ci capiva poco, passava ore a guardare attraverso le sbarre della gabbia ove erano rinchiusi gli arrestati in attesa di giudizio, giusto per osservarli. Li vedeva a capo chino, parlare preoccupati con i loro difensori oppure seduti, le mani a sorreggere la testa, incerti per il loro futuro. Sì, tutto ciò lo rincuorava.
Poi iniziò con i funerali ove si imbucava facilmente; controllava gli annunci mortuari il giorno prima e poi andava alla messa, seguiva il corteo fino al camposanto assistendo a tutte le operazioni successive compresa l’inumazione o la posa della lastra. Il fatto che tutto quello che vedeva riguardasse qualcun altro era rasserenante e migliorava notevolmente il suo umore.
Libero com’era da impegni di lavoro aveva poi preso anche a viaggiare; una volta arrivò sino a Calascura Marina, dov’era sepolto il Santo cui lui era tanto devoto. Si era ripromesso per tutta la vita di andare sulla sua tomba a pregare, senza riuscirci mai, vista la notevole distanza da casa. Ora era era arrivato il momento. Si prese tutto il tempo necessario facendo persino una visita guidata alla Basilica e alla Cripta del Santo.
Nel pomeriggio, prima di ripartire, andò invece nella sala attesa dell’ospedale del luogo. Ormai era diventata la sua routine. Era rassicurante vedere che erano altri a dover soffrire.
Stava appunto osservando una bambina che giocava tra le ginocchia della mamma che la accarezzava dolcemente — la bambina aveva una vistosa fascia che le copriva un occhio — quando entrò nella sala l’infermiera: era una donna bassa ma corpulenta, dai modi bruschi e spicci. Disse qualcosa nel dialetto del luogo che non capì. Poi fece alcuni metri nella sua direzione.
«Signor Guidi, sto chiamano proprio lei, ma non mi ha sentita?»
Lui si ridestò come da un sogno.
«Io?» fece sorpreso. «Guardi che ci deve essere un equivoco, io non sono di qui… sono in gita. Mi ha confuso sicuramente con qualcun altro.»
«Lei è Ernesto Maria Guidi, vero?»
«S..sì» rispose lui ancora più disorientato.
«E allora si sbrighi, su, venga con me, non mi faccia perdere tempo. Il Primario questa mattina ha visto le sue lastre e non ci sono affatto buone notizie per lei. Venga, venga da bravo… che glielo spiega meglio lui.»
[space]

Questo racconto è stato inserito nella lista degli Over 100.
Scopri cosa vuol dire –> Gli Over 100

16 pensieri su “Il Destino è in attesa

  1. Con questo racconto ho respirato un piacevolissimo profumo di aria buzzatiana. E’ un luogo sospeso tra il sogno e l’incubo, che fa venire le vertigini. Proprio bello 🙂

  2. sebios – Sebios Eudecris Architetto,graphic designer, photographer, film maker, artistic director, poetry and traveller!
    sebios il scrive:

    Mi è capitata una cosa simile, mi telefonano un giorno per comunicarmi esiti positivi di un esame, con brutte notizie e chiedendomi di andare a parlare con il primario, Dopo alcuni secondi di smarrimento al momento di confermare i dati l’infermiera mi fa: ma lei non è il signor “tal de tali” <>…..clic…
    non so se il signor tal de tali sia ancora in vita ma io ho perso 10 anni della mia….

  3. molte persone fortunate vogliono prepararsi al dolore e si interessano attraverso chi lo vive ..non soffrono per gli altri, ma vivono solo la paura di non saperlo affrontare .compiaciuti non sanno , che unendosi al loro dolore , si impara a diventare più forti e a accettarlo con dignità quando arriva bello il tuo racconto ciao

  4. fulvialuna1 – Cammino sempre a due metri da terra, la mia testa vive tra nuvole e venti, tra leggende e figure mitologiche, tra storia e arte....Come dice mio fratello, dovrei vivere in una torre, sulla montagna più alta del mondo; dovrei vivere tra libri, pennelli, tele, colori, stoffe.... Amo le alte vette, ma non disdegno il resto della natura, amo gli animali e il cuore me lo ha rubato un lupo. Amo tantissimo gli uomini che per me sono un mondo incredibile, ma le donne sono la mia forza,; non posso vivere senza bambini e senza le storie che raccontano gli anziani. Amo cucinare, cucire, dipingere, leggere, scrivere diari, scrivere su foglietti che viaggiano nella mia casa come avessero le gambe; mi piace il cinema, il calcio, le moto. Mi piace occuparmi della mia casa e del mio giardino...ma non sono Biancaneve e nemmeno Cenerentola, sono Paola, che per una serie di incredibili storie posso essere anche Penelope e anche Fulvialuna. Il mio sogno più grande è la pace nel mondo, questo mondo in cui cammino sempre a due metri da terra, ma quando ci appoggio i piedi resto ben salda ed è difficile spostarmi, tanto che il mio motto è "...il posto che mi piace si chiama mondo..."
    fulvialuna1 il scrive:

    Prima della dipartita? Ha vissuto ciò che avrebbe voluto ma non ha fatto in tempo.

  5. Birbo Bicirossa – Ciao, voglio avvisarti che proseguendo troverai due blog di pessima satira e dubbio umorismo. Un consiglio, non seguirmi credendo che contraccambierò, perché di solito non lo faccio. 😁🤪😉
    Birbo Bicirossa il scrive:

    Alcune osservazioni in ordine sparso: questa volta il pezzo è davvero brutto, per caso hai dormito male? Vabbè, sto scherzando, ci avevi creduto? No, in realtà è buono, come sempre del resto. L’infermiera invece è una vera stanza. Sì, ho detto stanza per non dire stronza, perché non sapevo se qui si può dire stronza, e quindi ho usato stanza invece di stronza, e no, non ringraziarmi, per me non dire stronza è stato un sacrificio, ma per farti cosa gradita me ne sono astenuto con piacere. Bene, quanto al povero umarell … ops … ma vedo che mi sono già dilungato troppo, quindi

    🙂

  6. Gran bel pezzo…io penso siano in tanti quelli che il brivido e l’ebbrezza li vogliono con il vivere degli altri costruendosi una vita senza incertezze ma senza sapori…quindi vorrebbero il sedere comodo e il piccante con il sedere altrui… Ahahah…

Lasciami un tuo pensiero Annulla risposta