L’abbraccio fatale

Il paracadutismo non aveva più segreti per lui. Era diventato un vero maestro in quel settore, tanto da tenere un corso di lancio estremo da quote basse e con attrezzature sempre più leggere.
Poi a Mark venne in mente una variante originale e mai provata fino a quel momento: l’aveva battezzata “abbraccio fatale” e sarebbe consistita nel lanciarsi insieme al suo amico Fred; ma mentre lui si sarebbe buttato senza paracadute, Fred, lanciandosi subito dopo, l’avrebbe raggiunto e glielo avrebbe consegnato in caduta libera.
“Geniale”, pensò Mark.
“È da pazzi”, gli disse subito Fred che non ne voleva sapere.
Mark sapeva però come convincere l’amico; non ci mise infatti molto a rassicurarlo dicendogli che non avrebbero tentato dal vero la nuova figura prima di averla provata infinite volte nel simulatore di caduta. E così fu, fino a quando almeno non riuscirono effettivamente a ritrovarsi a occhi chiusi e Mark non fu capace di indossare il paracadute con facilità. Anzi, per l’occasione Mark ne aveva progettato uno di nuova concezione in modo che si potesse indossare senza sforzo e nel minor tempo possibile.
Poi venne il giorno della prova dal vivo.
Il lancio andò benissimo. L’emozione era molto forte, ma a parte una leggera incertezza di Fred al momento di consegnare all’amico il paracadute, il passaggio materiale avvenne circa 300 metri di altitudine prima di quanto concordato. L’abbraccio era perfettamente riuscito tanto che atterrarono pressoché insieme.
Da quel giorno ripeterono la figura tante altre volte ancora facendola diventare una routine. Si scambiarono spesso di ruolo in modo da provare la reciproca ebbrezza di chi portava il paracadute e di chi lo riceveva.
Dopo qualche mese, decisero di alzare la posta, lanciandosi da due Piper diversi. La sincronia avrebbe dovuto essere maggiore, così come la concentrazione: il tasso di adrenalina sarebbe risalito.

“Ci vediamo il primo marzo alla solita ora?” scrisse nel messaggio Mark, dopo qualche mese di lanci eseguiti con successo.
“Sì certo, contaci” gli rispose Fred. “Arriverò però con il mio Piper dall’aeroporto di Collefili. Alle 9.00 esatte sarò il tuo angelo salvatore.”

Mark si preparò con la cura di sempre. Si sentiva particolarmente bene quel giorno e in pace con se stesso. La giornata era radiosa e la visibilità perfetta. Alle ore 8.55 spalancò il portellone di lancio sopra a un paesaggio nitido e lussureggiante. Vide in quell’istante il Piper di Fred che arrivava da sud, in orario, come previsto. Le ali dell’aereo luccicavano alla luce del mattino come per un saluto. Gli sorrise per ringraziarlo. Alle ore 9.00 Mark si lanciò proprio mentre l’aereo di Fred era sopra di lui.
Ma capì subito che qualcosa non andava perché il Piper di Fred era troppo veloce. No, non era il suo amico, come realizzò pochi istanti dopo: era un altro aereo, probabilmente da turismo.
Mark, cercò di rallentare la velocità di caduta aprendosi a X e offrendo all’aria il massimo di resistenza. Doveva capire. La lancetta dell’altimetro al polso girava vorticosamente. Aveva ancora pochi secondi. Ma cosa era successo? Poi l’occhio gli cadde sul datario dell’orologio. Era il 29 febbraio, non il primo marzo. Quell’anno era bisestile. Come poteva averlo dimenticato? Il primo marzo sarebbe stato l’indomani.
Chiuse gli occhi e scosse la testa.
La mano volò alla maniglia del piccolo paracadute ventrale di nuova progettazione che un giorno o l’altro si era ripromesso di testare anche se con la sicurezza del paracadute principale. Quel giorno, dopo tutto, era arrivato. Le cascine d’intorno e la torre di controllo diventavano sempre più grandi mentre l’asfalto dell’aeroporto sempre più vicino. Era il momento di sapere se aveva fatto un buon lavoro e se le cinghie avrebbero retto l’eccessiva velocità di caduta.
Tirò con forza e il paracadute nella sacca vibrò violentemente come se avesse voluto solo esplodere; poi fece un rumore come di un urlo liberatorio. E si aprì.

38 pensieri su “L’abbraccio fatale

  1. inchiostronoir – Sono un autore esordiente, questo blog è nato per parlare del mio primo romanzo "Il Maestro dei morti", ma anche di tutto quello che mi piace. Buona lettura!
    inchiostronoir il scrive:

    Bel racconto, davvero. Questa storia con l’anno bisestile e l’errore del protagonista mi fa sempre pensare al tipo che ha perso la partenza del Titanic o di quello che avrebbe dovuto essere in uno degli aerei dell’11Settembre 2001…
    Grande Briciola!

  2. fulvialuna1 – Cammino sempre a due metri da terra, la mia testa vive tra nuvole e venti, tra leggende e figure mitologiche, tra storia e arte....Come dice mio fratello, dovrei vivere in una torre, sulla montagna più alta del mondo; dovrei vivere tra libri, pennelli, tele, colori, stoffe.... Amo le alte vette, ma non disdegno il resto della natura, amo gli animali e il cuore me lo ha rubato un lupo. Amo tantissimo gli uomini che per me sono un mondo incredibile, ma le donne sono la mia forza,; non posso vivere senza bambini e senza le storie che raccontano gli anziani. Amo cucinare, cucire, dipingere, leggere, scrivere diari, scrivere su foglietti che viaggiano nella mia casa come avessero le gambe; mi piace il cinema, il calcio, le moto. Mi piace occuparmi della mia casa e del mio giardino...ma non sono Biancaneve e nemmeno Cenerentola, sono Paola, che per una serie di incredibili storie posso essere anche Penelope e anche Fulvialuna. Il mio sogno più grande è la pace nel mondo, questo mondo in cui cammino sempre a due metri da terra, ma quando ci appoggio i piedi resto ben salda ed è difficile spostarmi, tanto che il mio motto è "...il posto che mi piace si chiama mondo..."
    fulvialuna1 il scrive:

    Uff…che sudata, m’hai tenuto in ansia fino all’apertura.
    bello! Si poteva interpretare un finale in diversoi modi, questo è perfetto.

  3. Lucy the Wombat – Trier, Germania – Un novembre ero a un concerto a Parigi, quando qualcuno si è presentato con i kalašnikov e mi ha fatto conoscere l'Apocalisse. Per dimenticare sono andata a vivere in Australia, poi in Germania. Scrivo di cose belle: viaggi e luoghi speciali, natura e strane creature, animali fighissimi, vita (disagiata) da expat. Ogni tanto anche di quelle brutte. Lucy è il mio fido vombato che mi accompagna ovunque. Il mio nome è da qualche parte qui nel blog. (Avatar creato con: "Le Bouletmaton" by Zanorg).
    Lucy The Wombat il scrive:

    Bellissimo!!

  4. Birbo Bicirossa – Ciao, voglio avvisarti che proseguendo troverai due blog di pessima satira e dubbio umorismo. Un consiglio, non seguirmi credendo che contraccambierò, perché di solito non lo faccio. 😁🤪😉
    Birbo Bicirossa il scrive:

    Quando hai scritto che i due si alternavano nel ruolo di salvatore-salvato lanciandosi da aerei diversi, ho pensato che un giorno per sbaglio si sarebbero buttati entrambi senza paracadute, e durante la caduta si sarebbero reciprocamente accusati con dei … oggi toccava a te… no avevamo detto che lo portavi tu… ma niente di così ovvio, anche questa volta sei riuscito a sorprendermi.

    ^_-_^

    • Avevo pensato effettivamente anche a questa alternativa ma il racconto avrebbe preso una piega da ‘oggi le comiche’ sicché l’ho scartata ; non era l’effetto che volevo assicurare 🙂

  5. managgia gli anni bisestili 😀 Per fortuna c’era il paracadute di scorat. Previdente mark. Ma è riuscito a mettere i poiedi indenni? Si potrebbe arguire di sì ma potrebbe essere anche no.

  6. bortoround – un blog tematico esclusivamente dedicato ai videoclip sul mio viaggio attorno al mondo 2014, e poi ad altri viaggi nel mondo
    bortoround il scrive:

    thriller magistrale. soprattutto se hai gia` vissuto (da terra) un paracadute che non si apriva e una ragazza che si e` schiantata urlando aiutoaiuto.

  7. L’ho sempre detto che i messaggi generano confusione. Se si fossero parlati sarebbe venuto fuori che l’anno era bisestile o il giorno della settimana. E poi una telefonata di conferma no? Molto, molto divertente!

  8. Elish_Mailyn – Donna, moglie, mamma, casalinga...tutto-fare ...e non specificatamente in quest'ordine... Alla ricerca di un'identità definita. Scrittrice per passione e per il mantenimento della propria sanità mentale.
    Elish_Mailyn il scrive:

    magnanimo… io l’avrei fatto schiantare 😉

      • Elish_Mailyn – Donna, moglie, mamma, casalinga...tutto-fare ...e non specificatamente in quest'ordine... Alla ricerca di un'identità definita. Scrittrice per passione e per il mantenimento della propria sanità mentale.
        Elish_Mailyn il scrive:

        però meglio così… forse era un po’ scontato

        • Esatto: era un problema ‘strutturale’ del racconto che mi ero posto.
          Alla fine ho preferito inserire un “colpo di scena” plausibile per aumentare il tasso ansiogeno del racconto.

          • Elish_Mailyn – Donna, moglie, mamma, casalinga...tutto-fare ...e non specificatamente in quest'ordine... Alla ricerca di un'identità definita. Scrittrice per passione e per il mantenimento della propria sanità mentale.
            Elish_Mailyn il scrive:

            fatto benissimo… il risultato è ottimo…
            anche se resto dell’idea che meritasse lo schianto 😂😂

            • Elish_Mailyn – Donna, moglie, mamma, casalinga...tutto-fare ...e non specificatamente in quest'ordine... Alla ricerca di un'identità definita. Scrittrice per passione e per il mantenimento della propria sanità mentale.
              Elish_Mailyn il scrive:

              poverino un corno… semplice selezione naturale 😂😂
              (che l’uomo ha ormai sovvertito)

      • Per aumentare il tasso ansiogeno del racconto si potrebbe inserire una componente femminile…che urla e stoppa i lanci…ahahaha….
        PS: se sbaglio a digitare mail il messaggio arriva a controfigura…con altro emoticon…figurati che stress a imbroccare i salti a tempo nel vuoto…ho difficoltà anche a imbroccare l’email…ahahahah

  9. Hai reso l’idea di cosa vuol dire “avere totale fiducia”…mi sembra chiaro che non potrei essere nessuno dei due personaggi della storia…il salvato, perché uno che si mette in condizioni di bisogno e il salvante, perché dedica il suo salto a salvare uno che non ci sta necessità di salvare se aziona paracadute e cervello proprio!!! Molto acuto…come sempre…bel pezzo!
    CIAO

Lasciami un tuo pensiero Annulla risposta