Perl

Oggi sono proprio di cattivo umore. Questa notte non ho chiuso occhio. Il chip della Realtà Aumentata si deve essere guastato. Per carità, da quando c’è si fa fatica a credere come si sia potuto un tempo stare senza. Avere informazioni approfondite della realtà che ti circonda, degli alert sulla sicurezza personale e degli sconti praticati in zona, per citare solo alcune delle migliaia di risorse contestuali a disposizione, è impagabile. Anche l’alloggiamento nella tasca cutanea del deltoide, dove ora lo mettono subito dopo la nascita, è veramente comodo e non si sente neppure. Ma la questione è un’altra: da quando, una ventina d’anni fa, hanno vietato che potessero essere spenti o staccati in modo autonomo dall’utente, è diventato, diciamolo pure, un vero problema se qualcosa non va. E infatti, mentre dovrebbe mettersi in pausa automaticamente, alle prime emissioni di onde theta dal cervello in fase di addormentamento (per poi riaccendersi in modo autonomo appena ci si sveglia) invece non si spegne affatto. Così, rimanendo sempre attivo e accorgendosi per di più che sono giocoforza sveglio, continua, oltre a tutto il resto, a inviarmi pubblicità, le ultime news, la posta quotidiana e tutti i messaggi video e testuali cui sono abbonato. Un vero incubo. Questa mattina, alle due e mezza di notte, l’UltraMarket sotto casa mi comunicava con squilli di elettrokornamuse a tutto volume che le pantofole telecomandate Plink, originali, erano in offerta a 3×2. Roba da matti. Che mi è venuta pure voglia di scendere a comprarle.
Il nostro tecnico di condominio, cui normalmente ci si rivolge per guasti come questi, è ovviamente in ferie su Amazon5 e, per ragioni di budget, non c’è nessuno che lo sostituisca fino a martedì prossimo.
Ho provato anche a vedere su MegaNet se potevo autoripararmi con uno dei tanti tutorial disponibili, ma temo di aver peggiorato la situazione perché adesso mi compare ogni mezz’ora un bambino bruttino con tre capelli in testa e due denti in bocca che mi canta tutte le ninne nanne dell’Universo con una cantilena demenziale e insopportabile.
Come se poi di problemi con i bambini non ne avessi già abbastanza.
Mia nipote, da una settimana, si è trasferita infatti da me (provvisoriamente dice lei) con il suo bimbo piccolo che piange in continuazione. Che poi più che un pianto sembra un allarme tanto che il mio malandato chip della Realtà Aumentata, registrando quel suono stridulo e ondeggiante, si mette a passarmi tutte le misure da adottare in caso di incendio: dall’ordine di evacuazione all’indicazione della più vicina area di raccolta.
Ho provato anche a mettermi in contatto via chip con il Centro di assistenza per la Realtà Aumentata. Ma per il malfunzionamento anomalo dello stesso dispositivo sembra che a loro risulti essere solo un problema di upgrade sicché mi imbottiscono di programmi di aggiornamento: a voglia a spiegar loro che il problema è un altro. Il computer comunica loro che il sistema operativo è obsoleto e tanto basta: il computer non mente, sostengono, io evidentemente sì. È che non ne posso più di essere aggiornato sui mille e un modo per allevare i bachi da plastica o di come si può cucinare l’armadillo in umido. Ho solo bisogno di dormire. Sono convinto che pensino che io li voglia imbrogliare per poter richiedere formalmente il Sedativo di Stato. Ma io non lo voglio, non ho bisogno di quella robaccia: sono già rimbecillito di mio.
Così, dopo un po’, il Reparto Upgrade & Reset del Centro di assistenza, non riuscendo a trovare la soluzione, mi passa il Reparto Guasti Improvvisi e Non Tabellati che subito mi dice che è invece un problema di Upgrade & Reset sicché mi ripassa il Reparto precedente e si ritorna daccapo. Ieri è successo quattro volte. Fino a quando una signorina gentile di Upgrade & Reset mi ha chiesto se doveva mandare al mio indirizzo una SPIO (Squadra di Pronto Intervento Operativo), visto che si sentiva suonare a casa mia l’allarme.
È quello che mi è successo del resto anni fa quando avevo Perl.
Perl era il mio fantastico cangatto. Un ibrido magnifico che mi ha fatto tanta compagnia fino a quando non si è ammalato. Mi sono rivolto al Servizio Vet on-line Gatti e Gattili ma lì mi hanno chiarito subito che il mio non era un gatto ma un ‘cangatto’ sicché non potevano fare nulla per lui. Così mi hanno passato cortesemente il Servizio Vet on-line Cani e Canili, che, con altrettanta sollecitudine, mi hanno spiegato di nuovo che il mio pet (quando si dice il caso….) non era un cane ma un ‘cangatto’ sicché non potevano fare nulla. Dico io: fanno gli ibridi e poi non sanno come curarli. In fondo l’importante è venderli, come al solito.
Il rimpallare folle da un veterinario all’altro è durato un bel po’ fino a quando un brutto giorno Perl è scappato di casa. Sulle prime ero disperato. Poi mi hanno spiegato che fanno così, i cangatti. Nel senso che quando stanno male e nessuno li cura se ne vanno via per trovare da soli una soluzione. Non si sa a chi si rivolgano e purtroppo, una volta guariti, di solito non tornano più perché, a causa dell’ibridazione, acquistano in intelligenza e umorismo ma perdono in memoria a lungo periodo; e il rilevatore GPS, inspiegabilmente, va fuori uso. O forse sono loro piuttosto che lo mettono fuori uso per non farsi più rintracciare. La verità è che si sa ancora davvero molto poco di loro. Povero Perl. Spero che stia bene, ovunque si trovi.
Scusate, mi stanno chiamando dall’Assistenza. Spero abbiano buone notizie per me.
Allora ciao, ci si prende.

* * * * *

Si parla di Spiro Tanz anche qui:


Questo racconto è stato inserito nella lista degli Over 100.
Scopri cosa vuol dire –> Gli Over 100
[space]

40 pensieri su “Perl

  1. La pubblicità, i suggerimenti promozionali non ci daranno requie… io che non li sopporto, troverò un modo per sconnettermi… la tua visione mi ha ricordato l’onnipresente Dentifricio Denham di Fahrenheit 451.

  2. Non so se ridere o piangere. Ridere per l’ironia un po’ nera che pervade questo racconto, piangere per Perl e per il sottile, inquietante realismo di questo futuro, di questi chip inevitabili. Credo che in un mondo del genere sarei già morta o rinchiusa in una clinica da un pezzo, almeno il cellulare posso “dimenticarlo” a casa…

    • Eppure ci si abituerà… come del resto ci siamo abituati alla tecnologia di oggi, di cui non potremmo più a fare a meno.

  3. sherazade – rome, italy – "So qual'è il prezzo per conoscerti, e anche se posso sembrare riluttante a investire tutto quel patrimonio in una persona sola, non sopporterei l'idea di morire con tutto quel patrimonio"
    sherazade il scrive:

    chip della Realtà Aumentata.
    Cambiano tempi e strumenti ma la conclusione è sempre la stessa : sconclusionata…
    sheragraziediquestomomento 🙂

  4. CINEBLOG – Questo blog nasce per scherzo ed è rivolto a tutti quei pazzi incoscienti, che non avendo meglio da fare, imbattendocisi per caso, possano dire: "Però mica male? Affronterà argomenti di intrattenimento quali cinema, musica e TV, senza avere la presunzione di dispensare consigli o suggerimenti, ma riportando notizie, fonti, eventi e curiosità di questi fantastici mondi che ci fanno sognare, ridere, piangere e chi ne ha più ne metta. Devo confessare che sono una novellina, per cui questo sito tra le varie sezioni che pian piano si stanno delineando, avrà anche uno spazio "welcome" dove tutti, ma proprio tutti, grandi e piccini, sono invitati a lasciare un commento, una critica e tutto ciò che possa contribuire a migliorarlo. Che altro aggiungere? Un saluto a tutti e in bocca al lupo. A me... si intende ;) 🤗🤗🤗
    CINEBLOG il scrive:

    Bel racconto, peccato per Perl, non si hanno proprio notizie vero?

      • CINEBLOG – Questo blog nasce per scherzo ed è rivolto a tutti quei pazzi incoscienti, che non avendo meglio da fare, imbattendocisi per caso, possano dire: "Però mica male? Affronterà argomenti di intrattenimento quali cinema, musica e TV, senza avere la presunzione di dispensare consigli o suggerimenti, ma riportando notizie, fonti, eventi e curiosità di questi fantastici mondi che ci fanno sognare, ridere, piangere e chi ne ha più ne metta. Devo confessare che sono una novellina, per cui questo sito tra le varie sezioni che pian piano si stanno delineando, avrà anche uno spazio "welcome" dove tutti, ma proprio tutti, grandi e piccini, sono invitati a lasciare un commento, una critica e tutto ciò che possa contribuire a migliorarlo. Che altro aggiungere? Un saluto a tutti e in bocca al lupo. A me... si intende ;) 🤗🤗🤗
        CINEBLOG il scrive:

        Ok aspetterò. Bye, bye

    • Sono fantastiche vero? Le mie basta premere un bottone del telecomando e arrivano in un attimo ovunque le abbia lasciate.
      Che tipo di abbonamento hai su Amazon5? SuperPrime, MegaPrime o primePrime?

    • Ho letto sul giornale, altro che scossetta… per fortuna devi essere lontana dall’epicentro. Strano che non l’abbia sentita io…

      • Meglio …però un gatto in casa aiuta in questi casi…perché preavvisa…io pure ho un certo presentimento e quando avvengono questi fenomeni anche se sto nel sonno mi sveglio agitata almeno una decina di minuti prima…

  5. Ciao, stavo proprio scrivendo “che caos gli strumenti tecnologici, anche di notte se li penso mi irritano”…quando ho avvertito una scossa tellurica e ho visto il lampadario muoversi….e io abito ad un piano basso…e adesso chi si riaddormenta???
    Notte!

  6. Su 8LXJ12F, in 5 minuti ti avrebbero risolto il problema. E’ che si trova nell’ altro quadrante della Galassia. Poi lì il vino all’ Elio 6, costa meno. Facci un salto quando puoi. Fidati. 😉

  7. Per fortuna non ci sarò più quando ciò diventerà realtà. Ma nel caso ci fossi ancora mi darò alla macchia e diventerò un eremita nei boschi della Valle Sperduta.
    Credo di essere una delle poche entità che usa un cellulare che fa una sola cosa: telefona e basta.

  8. Giulio Pappa – Mascalucia (CT) – Nasce a Catania martedì 9 aprile 1996. Vive a Mascalucia (Catania), dove ha frequentato il liceo classico "Concetto Marchesi". Appassionato di fotografia, storia e politica internazionale, si laurea con lode il 24 luglio 2018 in Storia, Politica e Relazioni Internazionali (L36) presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell'Università degli Studi di Catania. Attualmente frequenta il Corso di Laurea Magistrale in Global Politics and Euro-Mediterranean Relations (Politica Globale e Relazioni Euromediterranee /GLOPEM - LM62) nello stesso Ateneo.
    giuliopappa il scrive:

    È verissimo…!
    Ti seguo sempre (se ti sarà arrivata la notifica che “ti sto seguendo” è perché ho sbagliato a cliccare e si era levato il following, e l’ho rimesso subito).
    Un sincero saluto,
    Un lettore:)

  9. Anche senza microchip impiantato, ci siamo già dentro fino al midollo. Anzi, peggio: siamo plagiati al punto da aprire autonomamente le nostre vene e versare il sangue nelle loro sacche sempre pronte a ricevere. Strasigh! Il futuro ormai è regresso. Preghiamo che arrivi in fretta la fine di tutto. Solo a quel punto un germoglio potrà ripartire da un nuovo zero.

  10. Dirai…che centro io?Non c’entri…ma tutti se la prendono con chi capita…e quindi è uno sport popolare…
    E parlavano dello stress delle casalinghe disperate…ci sta qualcosa di peggio: l’impiegato frustrato che sogna di saltare il tornello…
    Tipo pubblicità dell’olio Cuore: hai presente?
    Meno male che esistono le ferieeeeee

  11. PS…la signorina gentile come si chiamava?:è importante il nome! Di solito dai un nome anche agli esseri di fantasia…come mai questa no?Comunque il cangatto (sono io in versione trasformata quando non funzionano i sistemi informatici) sta furioso…ha detto che se ti trova ti morde…scherzo…bel pezzo!
    Ciao

  12. La regola della patch(work) e dell’upgrade(vole) è una delle leggi fisico-meccaniche che vale oltre il Tempo, nei secoli dei secoli futuri, ammèn!
    “Ogni patch o upgrade corregge o modifica degli errori esistenti introducendo altri errori e bachi in quantità totalmente randomica”

  13. Certo che il “futuro” é abbastanza grigio,comunqe gia’ oggi,molti hanno “problemi relazionali cosmici” ovvero sono alienati -mentali!Ma oggi é ancora possibile risolver tutto seguendo le dichiarazioni del “politicino” di turno….mala tempora,,mala tempora currunt!

    • Fra ti credevo unica ma anche briciole nel latte ha un alto tasso di fusione cerebrale… allora son contenta di sapere che siamo in tre… e mi son letto tutto fino in fondo x vedere fino a che punto potesse arrivare… scusate ragazzi non volevo essere offensiva 🙂

      • Non mi sento offesa, anzi sono di una felicità esagerata credimi.
        La mia fusione sta sortendo degli effetti insperati ( non come quelli che potrebbe causare una di tipo nucleare però….) ma comunque piacevoli.
        Non posso essere sempre seria, mi vengono le rughe, le cosidette “rughe d’espressione idiota”….

Lasciami un tuo pensiero