Aleppe

fonte battesimaleLe scarpe blu di vernice del bambino si sentivano appena per la chiesa. Erano rumori lievi tra statue di santi e ceri accesi. La mamma, poco distante, stava pregando, anche se non distoglieva lo sguardo da lui che saltellava leggero lungo la navata centrale. Poi il bambino si avvicinò alla fonte battesimale di basalto e la sua attenzione fu attirata da una increspatura sul pavimento. Era una fenditura bruna, a zig zag, come se l’intero edificio avesse avuto un fremito e si fosse spaccato in quel punto. Il bambino, che chiameremo Giorgino, non poteva conoscere la storia di Aleppe, una storia particolare risalente addirittura al 1802 di cui si era persa ogni memoria. Se l’avesse conosciuta, forse, non si sarebbe fermato proprio lì.
Aleppe era un demone molto giovane, ma molto intraprendente, che aveva in animo di realizzare qualcosa di memorabile per mettersi in mostra e salire di considerazione a chi di dovere; fu così che, dopo tanto pensare, volle tentare l’impresa di entrare in un chiesa e rubare delle ostie consacrate per poi disperderle in un letamaio. L’idea gli piaceva molto, era ambiziosa, nel suo stile, ma doveva trovare il modo per riuscire a penetrare nella cattedrale resistendo alla sacralità del posto, quel tanto che sarebbe bastato, insomma, per arrivare sino alla pisside e portarla via.
Dovette aspettare a lungo il momento giusto che, finalmente, si presentò un giorno, al meriggio, sotto forma di una suora novizia, Maria Celeste, di appena anni sedici; la capretta, che il convento allevava per il latte, temendo che i suoi piccoli fossero in pericolo, la caricò all’improvviso aprendole la pancia con le corna aguzze e lasciandola agonizzante all’ombra di un convolvolo. Aleppe, approfittò che una bestemmia sfuggisse dalle labbra della novizia, disperata di dover morire così giovane, per entrarle dalla gola e prendere possesso del suo cuore; la salvò anche da morte certa perché, per realizzare il suo progetto, aveva bisogno di lei: sapeva che se si fosse addentrato in chiesa nascosto in quel corpo illibato e benedetto sarebbe stato al sicuro come in un’armatura.
E così, una mattina, Aleppe si presentò sulla soglia del vasto portone della cattedrale. Tutto sembrava tranquillo: solo alcune donne pie, da un lato, sgranavano monotone il loro rosario; uno sparuto gruppo di persone se ne stava invece molto più avanti, intento in chissà quale rito. Aleppe era titubante: la maestosità del luogo gli metteva soggezione. Sfidare però il Signore nella sua stessa casa era un’impresa degna di nota che lo inorgogliva. Si chiuse così nel mantello della suora e prese a percorrere lentamente la navata centrale. Nessuno badava a lui. Nessuno avrebbe fatto caso a una novizia entrata a pregare. Fece appena una decina di passi e subito avvertì fitte lancinanti al costato e alla testa. Tutto rimandava alla gloria di Dio, là dentro: lo sentì come una cappa soffocante e dirompente. Andò avanti lo stesso, doveva riuscire ad ogni costo. Cominciò a zoppicare e a respirare a fatica. Capì che non ce l’avrebbe fatta a resistere a lungo: doveva fare presto. Accelerò il passo, trascinandosi, anche se i dolori al ventre e alla gola diventavano sempre più insopportabili. Ancora pochi metri lo separavano dal tabernacolo, serrò i denti ma nello sforzo la ferita alla pancia gli si riaprì. In quel mentre, accanto a lui, una madre staccò dal suo seno un bimbo di pochi mesi e lo avvicinò al prete che con l’acqua dalla fonte battesimale bagnò la fronte del neonato. Una goccia infinitesimale di quell’acqua benedetta scivolò via toccando un lembo del mantello di Aleppe. Lui prese a tremare. Brividi violenti presero a squassargli il corpo divenendo ben presto convulsioni. Il demone prese a lacerarsi come carta bruciata per poi sciogliersi in un liquido nero che spaccò in due il pavimento saettando come per ritirarsi. Rimase solo una bruciatura su quel marmo antico, un’ustione profonda per chilometri e chilometri sino al centro della terra. Proprio lì Giorgino, ora, stava giocando. E un soldatino di plastica consumata gli cadde dalle mani.
«Mamma» disse rialzandosi subito dopo averlo raccolto. «Ma è caldissimo qui il pavimento!»
«Vien via» gli comandò lei facendosi seria e segnandosi tre volte «vieni via, subito.»

[space]


Questo racconto è stato inserito nella lista degli Over 100.
Scopri cosa vuol dire –> Gli Over 100

30 pensieri su “Aleppe

  1. Sempre un piacere tornare su questo blog, anche se leggo in differita e ogni tanto mi perdo dei post

  2. si, leggerti è un vero piacere…appena posso mi faccio sempre un giro dalle tue parti e ogni volta confermi che non è stato vano, anzi! La tua bravura nel descrivere situazioni, stati d’animo, angosce, gioie è sempre coinvolgente. Complimenti. Ciao

  3. Kay Rouge – Italia – Sono una Social Media Manager, mi occupo della comunicazione online di brand ed aziende italiane e straniere con il preciso compito di migliorare la presenza online e le vendite. Il mio ufficio è a Livorno ma collaboro con aziende e brand di tutta Italia ed estere grazie all’attuale tecnologia che riduce le distanze (Skype, Whatsapp, Teamviewer ecc.) Mi occupo della redazione dei piani editoriali, creazione di contenuti per i principali social (Facebook e Instagram in particolare), gestione delle inserzioni, creazione di copy e delle campagne di Facebook con monitoraggio dei risultati. Collaboro con diverse aziende anche in qualità di Community Moderator ed external HR consultant dando il mio supporto nella ricerca di figure professionali. Da Dicembre 2018 è nata una nuovissima avventura in qualità di imprenditrice aprendo il mio primo shop di bubble tea a Cecina (LI) e, successivamente, a Viareggio e Marina di Cecina con il franchising Bobble Bobble Italia con cui mi occupo, anche, di marketing online ed offline (curando e gestendo i canali social, le attività e promozioni di marketing nei vari negozi in Italia) La mia parte creativa trova sfogo in particolare nella scrittura e nello sport, pratico Pole Dance da autodidatta dal 2016, mi ritengo una "pole dancer in evoluzione" con tanti obiettivi e sogni nel cassetto, pratico inoltre calisthenics dal 2018 un amore nato all’improvviso ma che mi sta già dando tantissimi risultati.
    kayrouge il scrive:

    CIao, ti ho nominato per la Liebster award https://kayrouge.wordpress.com/2015/05/30/liebster-award/

  4. guido mura – Milano – Ho svolto varie attività: insegnante precario di lingua e letteratura italiana all'Università, bibliotecario, insegnante d'informatica, fotografo digitale. Ho pubblicato brevi saggi di letteratura e di varia cultura, in vari libri e riviste. Mi diverto a scrivere e pubblicare testi narrativi e poetici; talvolta compongo musica. Attualmente vivo a Milano. Gestisco il blog guidomura.wordpress.com - Ora mi trovate anche su Facebook, LinkedIn, Instagram, Google+, Pinterest e sul mio canale youtube.
    guido mura il scrive:

    Mi ricorda, anche nel modo di proporre, alcune storie di Anton Giulio Barrili, uno dei narratori più famosi (e più dimenticati) del nostro Ottocento. Il racconto risulta molto ben riuscito e molto piacevole.

  5. Giusy – Montagano (cb) – I'm an Italian girl in love with music and book. I think books are mirrors: you only see in them what you already have inside you. I'm a dreamer bcz dreams are real, for me! =) Follow me in my blog "Alohomora": welcome in my life! xo
    Giusy il scrive:

    ciao =) trovando il tuo blog carinissimo t ho taggato in una catena dedicata ai film… qui trovi tutte le info https://vitadagrifondoro.wordpress.com/2015/05/28/lalfabeto-dei-film/

  6. Genoa News Chronicle – Blog di inchieste e reportage. Memorie, storie e ritratti. Schegge di cronaca e costume. Narrazioni di fatti e misfatti. Notizie, opinioni, immagini ed emozioni dalla 'rete'. Approfondimenti di Fabio Tiraboschi, tra i giornalisti testimoni del G8 di Genova, una storia italiana che non potrà essere cancellata. La penna più forte della spada: per il diritto di cronaca, per la difesa ad oltranza della dignità professionale e per la libertà di informazione senza "zone rosse".
    Fabio Tiraboschi il scrive:

    CIAO. Seguo il tuo blog…alta qualità. Piacere nella lettura.. Ti ho nominato per il “Book Tag Award: 25 Domande Sui Libri”. Si tratta di una ‘catena letteraria’ alla quale ho partecipato. Se ti va passa dal mio blog a vedere: https://genoanewschronicle.wordpress.com/
    Ciao. Con stima. Fabio

  7. Alessandra Bianchi – Mi chiamo Alessandra Bianchi. Amo ballare, nuotare, il sole, il mare e il vento. Ho scritto un romanzo,"Lesbo è un'isola del Mar Egeo" (Borelli Editore, collana Pizzo Nero), che era reperibile nelle migliori librerie (Mondadori, Feltrinelli, etc.) e su vari portali (IBS, ad esempio); ma che adesso è esaurito. Il libro costava 12 euro. Il mio secondo libro si intitola "Sognate con me" ed è una raccolta di racconti, tratti dal mio blog. Costa 10 euro.
    Alessandra Bianchi il scrive:

    Ottimo!

  8. Nicola Losito – Milano - Italy – Ho completato il mio ciclo di lavoro attivo e ora vorrei adoperare il tempo che mi rimane per fare qualcosa che piace a me, senza che nessuno mi soffi sul collo. Chiedo Troppo? Diventare un blogger è l'ultima delle mie trovate divertenti.
    Nicola Losito il scrive:

    Avvincente.
    Nicola

  9. fulvialuna1 – Cammino sempre a due metri da terra, la mia testa vive tra nuvole e venti, tra leggende e figure mitologiche, tra storia e arte....Come dice mio fratello, dovrei vivere in una torre, sulla montagna più alta del mondo; dovrei vivere tra libri, pennelli, tele, colori, stoffe.... Amo le alte vette, ma non disdegno il resto della natura, amo gli animali e il cuore me lo ha rubato un lupo. Amo tantissimo gli uomini che per me sono un mondo incredibile, ma le donne sono la mia forza,; non posso vivere senza bambini e senza le storie che raccontano gli anziani. Amo cucinare, cucire, dipingere, leggere, scrivere diari, scrivere su foglietti che viaggiano nella mia casa come avessero le gambe; mi piace il cinema, il calcio, le moto. Mi piace occuparmi della mia casa e del mio giardino...ma non sono Biancaneve e nemmeno Cenerentola, sono Paola, che per una serie di incredibili storie posso essere anche Penelope e anche Fulvialuna. Il mio sogno più grande è la pace nel mondo, questo mondo in cui cammino sempre a due metri da terra, ma quando ci appoggio i piedi resto ben salda ed è difficile spostarmi, tanto che il mio motto è "...il posto che mi piace si chiama mondo..."
    fulvialuna1 il scrive:

    Bella e terribile, molto originale, ma perchè le scarpine blu?

  10. Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. Aleppe non smentisce il detto. Anche se si nasconde nel corpo di una novizia, subisce comunque l’ira del Signore.
    Una bella storia dove cogli a pretesto l’innocenza del bambino per raccontare la storia del diavolo Aleppe.

  11. Pape Satàn, pape satàn Aleppe……mi hai fatto tornare in mente Dante.
    Bello questo racconto, sembra quasi una leggenda di quelle che mi raccontava la bisnonna quando passavamo le serate invernali nella stalla a “fare filòs”.
    Buona domenica.

  12. Per un attimo ho temuto che potesse succedere qualcosa al bambino con quel simpatici nome… poverino, stava gia’ soffrendo le pene d’Inferno per le scarpette di vernice strette… 🙂

    • Ho temuto anch’io per il bambino mentre stavo scrivendo…
      Ho pensato a una mano ossuta che fuoriuscisse all’improvviso dalla spaccatura del pavimento, afferrasse Giorgino e lo portasse giù con sé.
      Poi mi sembrava un po’ troppo Scary movie. 🙂

  13. BUONGIORNO, mi piace come accendi la curiosità, lasciando con il fiato sospeso, in un vortice di stati d’animo, dove si intrecciano personaggi positivi che si destreggiano tra demoni e pensieri malvagi…mi piace anche l’ingenuità di Giorgino che si avvicina al pericolo ignaro ed incosciente e la fermezza della mamma che gli impone di allontanarsi subito (hai molto ben reso questi stati d’animo naturali) e ho letto la storia di Aleppe, il demone malvagio che deve inserirsi in un contesto di buoni sentimenti per cogliere un varco : dai proprio il senso della lotta tra il bene e il male…FANTASTICO!!!
    Grazie, anche per il fatto che non annoi mai e non sei mai monotematico e neppure banale!
    CIAO!

Lasciami un tuo pensiero Annulla risposta