Il berretto rosso

berretto rosso«Pronto? Sì… ciao. È successo di nuovo!»
«Come cosa? Quella cosa lì, del berretto rosso.»
«Come sarebbe che non sai di che parlo… Parlo del berretto, di colore rosso; è successo di nuovo, proprio oggi, ti dico, mentre stavo andando a lavorare. Ero lì che camminavo, pensando ai fatti miei, quando un tizio, su uno scooter nuovo luccicante, mi è passato vicino, ma proprio vicino vicino…»
«Come? Ma no, non mi sono fatto niente, non è questo che intendevo dire…»
«Certo, certo, non ti voglio far perdere tempo… va bene, vengo al punto…»
«Posso parlare? Mi fai finire? Come ti dicevo, prima che mi interrompessi, che è passato questo tipo, con il motorino, un uomo per carità ben vestito, sui quarant’anni, tipo serio, occhiali da bancario, forse un po’ imbranato…»
«No no, non ho niente contro i bancari per l’amor del cielo… dicevo così per dire… e poi non ho detto imbranato come un bancario, parlavo solo degli occhiali, portava una montatura antiquata, senza concessioni all’estetica, se riesci a capire cosa voglio dire, va be’, nemmeno questo è il punto, comunque aveva in testa questo berretto rosso, di quelli un po’ strani, forse a tubo, che si afflosciano dietro, non ho visto bene… insomma… sta di fatto che non c’entrava nulla con il resto del completo grigiolino elegante che indossava, un berretto di lana spessa, probabilmente fatto a mano… un bel capo, niente da dire, ma un pugno nell’occhio riguardo all’insieme, e… e… comunque rosso, rigorosamente rosso, come… come un ravanello.»
«Sì, un ravanello… perché ridi? Non ti piacciono i ravanelli? Ah è l’accostamento che ti fa ridere… perché di solito non si dice ‘rosso come un ravanello’…»
«Però non posso farci proprio nulla, il rosso era proprio quello lì, color del ravanello, sì, sì vengo al punto… ma che fretta hai oggi? Sei tu del resto che mi interrompi in continuazione. Be’ dicevo, è passato questo tipo strambo sullo scooter e… e gli è caduto il cappello. Capisci? È volato via dalla testa. Non c’era un alito di vento. Chissà, forse se l’era calcato male, forse ha fatto un movimento improvviso, per quanto, a dire il vero, non m’è sembrato, anzi, guidava in modo piuttosto rigido… sta di fatto che gli è caduto il berretto. E lui se n’è accorto ed è tornato indietro!»
«Come e allora?»
«Ma è un berretto! Rosso per giunta. Un berretto rosso color ravanello caduto a terra! Così, senza che nulla lo potesse minimamente presagire.»
«Come chissenefrega? Oggi proprio non ti riconosco, Carla…»
«Ah… non sei Carla? Ti chiami Gino? Sei sicuro? Se lo dici tu…»
«Però il discorso del berretto rosso color ravanello ti stava appassionando, vero?»
«Pronto? Pronto?»
«Ma che modi, mettere giù così… e che vocabolario! Che maleducati ci sono in giro!»

Per un po’ l’uomo guardò il muro, quasi avesse visto una crepa allargarsi d’un tratto come una ferita; la cornetta nella mano destra, il pugno sinistro sul fianco a trovare un nuovo equilibrio.
Poi, riprendendosi dalla fissità, fece un altro numero di telefono digitando nervosamente sulla tastiera.

«Pronto? Mi senti? Ecco sì… Non so come dirtelo: è successo di nuovo…»

46 pensieri su “Il berretto rosso

  1. samara – Mi chiamo Samara. Samara è un nome arabo. Samar è una parola che in arabo pare significhi: giocare con le parole nelle ore notturne, conversare di notte. E significa anche "ombra di luna". Come dice Amelie Nothomb, i nomi evocano il nostro destino. Ed eccomi qui allora, a scrivere spesso a notte fonda sul blog, a riflettere. Sul perchè di questo blog, non posso aggiungere più di quello che ho scritto nel post "Scrivere per vivere". Un abbraccio Me llamo Samara. Samara es un nombre árabe. Samar es una palabra que en árabe parece significar: jugar con las palabras en las horas más altas de la noche, conversar durante la noche. Y también significa "sombra de luna". Como dice Amelie Nothomb, los nombres esconden el destino de las personas. Entonces aquí estoy, escribiendo a menudo por la noche en mi blog, pensando, aclarándome. Un abrazo
    samaracroci il scrive:

    Caruccio caruccio! Complimenti.

  2. banzai43 – Milanese del'43, sposato, due figli, ex dirigente di banca, poeta secondo l'ispirazione. Professo la libertà come un credo. Amo la bellezza e le arti tutte, fra esse la musica jazz e la fotografia. Senza libri sarei disperato. Nonostante tutto credo nell'amicizia. Amo visitare la città (in bicicletta) prendendomi tutto il tempo necessario, le montagne senz'esserne intimidito, la pesca senza trattenere il pescato, il profumo del pane appena sfornato, il sibilo del vento, il rumoreggiare delle foglie nella brezza, i viaggi ... Occupazione attuale? Professionista della libertà.
    banzai43 il scrive:

    Ionesco. Teatro dell’assurdo. Bello. M’è piaciuto.
    Bye, bye buona domenica.
    banzai43

  3. tachimio – Buongiorno a tutti. Sono Isabella l'autrice di ''Miscellanea- Visioni e palpiti del cuore-pensieri nascosti sotto forma di parole''.Sono una donna di 59 anni, sposata dal 1975 con due figli grandi: Chiara,ballerina professionista di danza contemporanea dedita oggi all'insegnamento , sposata, e Andrea, laureato in economia vicino a diventare dottore commercialista a tutti gli effetti. Mio marito ingegnere è oggi tranquillamente(si fa per dire) in pensione.Ho detto ''si fa per dire'' visto gli impegni che si è creato per non rimanere sempre a casa(vedi amici ect.) Insomma una bella famiglia con a carico anche un gatto un pò vecchiotto e ora con qualche problemino di salute.Ho scritto questo libro senza sapere di essere ''portatrice sana'' di parole che sono uscite così, per caso, ma che una volta fuori, non ho potuto più controllare. Ora spero che qualcuno di voi possa essere interessato alla sua lettura.Posso solo dire che mia figlia con la sua vita di artista, ha senz'altro influenzato un pò la mia nel farmi apprezzare, attraverso la danza, l'arte e in generale il ''bello'' che si trova in ogni forma espressiva(retaggio anche della mia cultura classica).Con questo spero siate in tanti a leggere il libro.A presto Isabella
    tachimio il scrive:

    Simpatico per quanto amaro quadretto che mette in evidenza la solitudine di un uomo o ragazzo che sia ,che vede nel telefono una possibilità di contatto per evadere e sentirsi meno solo. Le tue briciole sono sempre da gustare. Un abbraccio. Isabella PS E scusa la mia assenza.

      • tachimio – Buongiorno a tutti. Sono Isabella l'autrice di ''Miscellanea- Visioni e palpiti del cuore-pensieri nascosti sotto forma di parole''.Sono una donna di 59 anni, sposata dal 1975 con due figli grandi: Chiara,ballerina professionista di danza contemporanea dedita oggi all'insegnamento , sposata, e Andrea, laureato in economia vicino a diventare dottore commercialista a tutti gli effetti. Mio marito ingegnere è oggi tranquillamente(si fa per dire) in pensione.Ho detto ''si fa per dire'' visto gli impegni che si è creato per non rimanere sempre a casa(vedi amici ect.) Insomma una bella famiglia con a carico anche un gatto un pò vecchiotto e ora con qualche problemino di salute.Ho scritto questo libro senza sapere di essere ''portatrice sana'' di parole che sono uscite così, per caso, ma che una volta fuori, non ho potuto più controllare. Ora spero che qualcuno di voi possa essere interessato alla sua lettura.Posso solo dire che mia figlia con la sua vita di artista, ha senz'altro influenzato un pò la mia nel farmi apprezzare, attraverso la danza, l'arte e in generale il ''bello'' che si trova in ogni forma espressiva(retaggio anche della mia cultura classica).Con questo spero siate in tanti a leggere il libro.A presto Isabella
        tachimio il scrive:

        Diciamo di si carissimo , sempre di corsa ma tutto bene e tu? Vedo che con la scrittura va tutto bene, sempre in gran forma. E questo mi fa veramente piacere . E sai perchè? Perchè sono sempre affascinata dalle tue storie. Sai come commuovere e allo stesso tempo far pensare.Bella dote mio caro.Ti abbraccio forte con sincero affetto. Isabella

  4. emozione forte: a furia di sentire di questo berretto rosso mi è venuta nostalgia di qualcosa di autenticamente rosso civile. E ci risiamo con i colori. Anche se sono solo un pretesto…buona settimana!

  5. Bhè ma solo tu eh? Come ti vengono in mente? Complimenti davvero. Buona domenica.

  6. il mio tributo alla bellezza – Trentino – Sono nata fra le montagne trentine. La montagna, i boschi e la gente che ci vive e lavora, negli anni mi hanno insegnato alcune cose e fra queste vi è anche la consapevolezza che non si è mai abbastanza pronti, che non se ne sa mai abbastanza; mi hanno anche resa estremamente curiosa e trovo che anche questo sia un bel regalo. Camminando nei boschi e lungo i sentieri ho capito che essere umili non significa essere servi, tutt'altro. In buona sostanza io sono una che sa di avere ancora e sempre molto da imparare e in tal senso non mi stanco mai di cercare. Penso di essere fortunata a vivere in luoghi tanto belli e per certi versi e in alcuni casi, ancora puri; senza nulla togliere a tutti gli altri posti meravigliosi di questo mondo. La montagna ed i boschi sono i miei maestri eccellenti; l'insegnamento che regalano è come un grande atto d'amore e io, di mio, contraccambio di cuore. In questi posti ho molto da camminare, da capire; vorrei che questo blog fosse uno strumento per tenere conto del viaggio e nel contempo, condividerlo. :) Buona lettura a chi avrà la pazienza di seguirmi.
    il mio tributo alla bellezza il scrive:

    4358977609 digli di chiamarmi dopo le 18, che ho più tempo e vorrei sapere come va a finire…

      • il mio tributo alla bellezza – Trentino – Sono nata fra le montagne trentine. La montagna, i boschi e la gente che ci vive e lavora, negli anni mi hanno insegnato alcune cose e fra queste vi è anche la consapevolezza che non si è mai abbastanza pronti, che non se ne sa mai abbastanza; mi hanno anche resa estremamente curiosa e trovo che anche questo sia un bel regalo. Camminando nei boschi e lungo i sentieri ho capito che essere umili non significa essere servi, tutt'altro. In buona sostanza io sono una che sa di avere ancora e sempre molto da imparare e in tal senso non mi stanco mai di cercare. Penso di essere fortunata a vivere in luoghi tanto belli e per certi versi e in alcuni casi, ancora puri; senza nulla togliere a tutti gli altri posti meravigliosi di questo mondo. La montagna ed i boschi sono i miei maestri eccellenti; l'insegnamento che regalano è come un grande atto d'amore e io, di mio, contraccambio di cuore. In questi posti ho molto da camminare, da capire; vorrei che questo blog fosse uno strumento per tenere conto del viaggio e nel contempo, condividerlo. :) Buona lettura a chi avrà la pazienza di seguirmi.
        il mio tributo alla bellezza il scrive:

        grazie…

  7. Cose che capitano. Telefonate a sorte per parlare di un berretto rosso che esiste solo nella fantasia di quello che telefona. Un modo curioso per osservare le reazioni della gente, Qualcuno risponde male.

  8. Scusa, ho dimenticato una cosa, il mio “sconclusionata” si riferisce non a come è stato scritto il brano, ma proprio alla telefonata in sé, di lui che non si accorge di parlare con un’altra persona, del fatto che dà importanza a un qualcosa che in realtà non ne ha davvero e del fatto che sente il bisogno impellente di parlarne con qualcuno, non importa chi.
    Buona domenica.

  9. Bellissima questa telefonata sconclusionata e divertente. Mi ha fatto venire in mente una cosa accaduta a me:
    Suona il telefono e vado a rispondere, non sento parlare ma il suono classico della richiesta di un fax. Io non ho un fax, per cui chiudo il telefono. La cosa si ripete ancora per tre volte nell’arco di un’ora. Alla quinta telefonata, sento la voce incavolata di un uomo che mi urla: “Allora, porco…..lo vuoi attaccare ‘sto fax della malora?” e a me, scatta in quel momento il diavoletto della presa in giro e gli rispondo con voce dolce e suadente: “ma nooo….ma perché dovrei? ma non mi va proprio…” e lui che continua a urlare come un ossesso, finché io, sempre dolce e mielosa gli dico con calma: ” sei proprio sicuro di aver fatto il numero giusto? Perché non controlli una buona volta che è un’ora che cerchi un fax in una casa che non l’ha mai avuto!”
    Penso che si sia strozzato da sé, non l’ho più sentito.

  10. Pinuccia Dattoli – Sono una donna di sessantasette anni, mi piace il computer ci passo il mio tempo libero. Condivido con gli amici, le mie foto, le mie gif animate i miei viaggi in camper, le poesie e le preghiere che trovo su internet. Accetto commenti solo da siti seri!
    pinuccia513 il scrive:

    Io ho pensato subito a quest’uomo solo, che sbaglia numero per poter parlare con qualcuno, raccontando sempre lo stesso episodio. Il racconto come sempre mi è piaciuto! ti auguro una buona giornata

      • Pinuccia Dattoli – Sono una donna di sessantasette anni, mi piace il computer ci passo il mio tempo libero. Condivido con gli amici, le mie foto, le mie gif animate i miei viaggi in camper, le poesie e le preghiere che trovo su internet. Accetto commenti solo da siti seri!
        pinuccia513 il scrive:

        Grazie! buona notte

  11. Anche a me capitava spesso da piccola di parlare con persone che non conoscevo, confondendole: spesso stavo parlando con qualche familiare..quando si allontanava e si avvicinava qualcun altro e io non curante continuavo a parlare senza accorgermi che era cambiata persona…quando me ne accorgevo…scoppiavo a ridere.
    IL TUO BRANO E’ STIMOLANTE COME SEMPRE.
    CIAO

  12. sherazade – rome, italy – "So qual'è il prezzo per conoscerti, e anche se posso sembrare riluttante a investire tutto quel patrimonio in una persona sola, non sopporterei l'idea di morire con tutto quel patrimonio"
    sherazade il scrive:

    Due commenti. Il primo tecnico da motorinista: niente casco, niente vento ma lo spostamento dell ‘aria cmq farebbe volare il cappello. E ancora in moto ~Rino tutti noi azzardano almeno in un accessorio .
    Poi leggi il finale e tutto si ricompone nella sensazione tangibile della solitudine.
    SheramaisenzacascobuonWEdisolequi

  13. Oh, sarà che mi sono svegliata da sette minuti… Sarà che ho letto di fretta ma… Io sono sincera: non l’ho mica capita
    Aspetto di leggere gli altri commenti che solitamente mi danno spunti per comprendere appieno
    Intanto buon week end Briciolanellatte.

    • Quando il lettore non capisce quasi sempre è colpa dello scrittore. Mi spiace.
      Il racconto riguarda la telefonata che il protagonista fa a un’amica, ma sbaglia numero e racconta a uno sconosciuto un episodio per lui importantissimo ma che invece è del tutto insignificante. Tutto qui.
      Buon week end anche a te.

      • sherazade – rome, italy – "So qual'è il prezzo per conoscerti, e anche se posso sembrare riluttante a investire tutto quel patrimonio in una persona sola, non sopporterei l'idea di morire con tutto quel patrimonio"
        sherazade il scrive:

        No briciola io ho dato un ‘altra lettura.
        Una persona sola, un poco disadattata che in modo compulsivo telefonicamente racconta la stessa storia. ….

        • Sì certo, Shera. Il racconto ha più piani di lettura, quello da me fornito più sopra è solo quello più evidente e di rapida comprensione (MomFrancesca mi diceva addirittura di non averlo capito sicché ho preferito dare la spiegazione più breve e riconoscibile).
          In realtà è esattamente come dici tu. Io ho concepito la storia in questo modo: il personaggio è solo e telefona a casaccio a una persona che lui crede essere Carla (che può essere la moglie o la figlia) ma che è un interlocutore che in realtà non c’è più nella sua vita (e che l’uomo parli a casaccio è evidente per non riconoscere neppure che sta parlando con una voce maschile) e le racconta di un fatto che si ricollega a un episodio di quotidianità spicciola da loro vissuto tempo addietro e che solo loro conoscono.
          L’ossessione per il particolare insignificante del berretto rosso caduto, la logorrea, la reiterazione irrefrenabile delle telefonate e anche la ‘fissità’ dopo la prima telefonata sono tutti elementi che testimoniano la vacuità ‘malata’ della vita dell’uomo e la sua profonda esistenza scompensata.
          Complimenti per la tua perspicacia.

          • sherazade – rome, italy – "So qual'è il prezzo per conoscerti, e anche se posso sembrare riluttante a investire tutto quel patrimonio in una persona sola, non sopporterei l'idea di morire con tutto quel patrimonio"
            sherazade il scrive:

            Grazio ma nn mi prendere per presuntuosa ma tutto il dialogo i tuoi dettagli indicavano il forte malessere e lo scollamento dalla realtà.
            Povera umanità tanto fragile e sola.
            sherabuonfinesettimana 🙂

            ps bellss racconto

Lasciami un tuo pensiero