Jazz & kite

border-collieSandro osservava la scena con occhio critico e non era soddisfatto. Nonostante il vento soffiasse teso si rendeva conto che il suo aquilone non aveva la portanza giusta. Bastava un colpo di vento improvviso e il kite rispondeva male ondeggiando in modo anomalo e vibrando sulla coda. Scosse la testa sbuffando.
Jazz, il suo cucciolo di border collie, si era seduto sulla sabbia a guardare anche lui, con la testa reclinata da un lato, quel curioso oggetto che sventolava temerario sopra la sua testa; per essere divertente, lo era, per cui non comprendeva bene perché il suo padrone avesse quella faccia così tanto corrucciata.
Erano anni, in verità, che Sandro ambiva a costruirsi l’aquilone perfetto. Le prove di volo erano estenuanti, l’assemblaggio maniacale, l’impegno incessante. Si era fatto consigliare sui materiali da usare, aveva letto manuali di volo, aveva fatto ricerche, ma i miglioramenti rimanevano pochi e i risultati frustranti.
Un giorno, parlando con un amico, scoprì tuttavia che era disponibile un tessuto innovativo che le industrie cominciavano a utilizzare nel comparto sportivo. Una sorta di tramato che era più resistente di una muta da sub, ma dieci volte più leggera pur rimanendo modellabile come un foglio di carta. Queste caratteristiche gli avrebbero permesso di alleggerire la struttura, di allungare l’aquilone e di renderlo più aerodinamico. Sì, ci avrebbe provato.
Le prime verifiche al mare diedero risultati eccellenti. L’aquilone appariva più stabile e di maggiore governabilità; s’innalzava in tempi rapidissimi e richiedeva addirittura di salire ancora più in alto se solo avesse avuto a disposizione una corda più lunga. Usando anche per la sagola, lo stesso materiale già impiegato per la copertura, Sandro comprese di essere a una svolta.
Dopo qualche settimana lo studio professionale di Sandro lo mandò a Deauville per un cliente di riguardo. L’occasione per provare il suo nuovo aquilone al vento della Normandia lo elettrizzava. Partì con la macchina e l’inseparabile Jazz; e per fare le cose con calma, si prese addirittura due giorni di ferie.
Giunto sul posto, si rese subito conto che il vento in quel luogo era una cosa seria. Era robusto, mutevole, difficile da domare, ma ricco di stimoli ed emozioni.
I tentativi iniziali furono subito promettenti trovando conferma che le modifiche strutturali apportate erano valide anche per quel vento capriccioso: il nuovo tessuto rispondeva in maniera ottimale. Apportate a ogni fine sessione le nuove messe a punto l’aquilone si dimostrava ora in grado di eseguire complicate evoluzioni abbandonando, a comando, l’alta quota per poi cabrare in picchiata in rapida velocità e risalire subito dopo in modo altrettanto vertiginoso. Aveva l’agilità di una giovane poiana e Sandro non si era mai sentito così fiero; Jazz avvertiva tutta la soddisfazione del suo padrone e gli girava in tondo non smettendo di fargli le feste.
Verso mezzogiorno il tempo peggiorò. Il cielo affollato di nubi buie risalì severo dal mare diventando in pochi minuti così denso da dare l’impressione di voler cadere tutto intero da un momento all’altro. Sandro, sorpreso per tanta repentinità, ritirò immediatamente l’aquilone. Ma quello fu anche l’attimo in cui, un fortissimo colpo di vento, complice il tessuto speciale usato, sollevò verso l’alto il kite per diversi metri. Lo strappo fu così violento che prese di sprovvista l’uomo: la corda gli scappò di mano. Ma Jazz non ci pensò un attimo. Scattò in avanti e con un balzo riuscì ad afferrare al volo la sagola. Per tre volte di seguito il cane rimase sospeso per aria e per tre volte riportò la corda abbastanza vicino al padrone da permettergli di afferrarla; ma l’uomo, nonostante corresse con tutte le sue forze, non ci riuscì. Poi il cane, stremato, abbandonò la presa mentre la corda, scivolatagli tra i denti, andò ad attorcigliarsi intorno al collare. Una folata assestò al kite un altro strappo rabbioso facendolo sgusciare di lato in mare aperto; in breve tempo entrò in una corrente termica e salì sempre più in alto incurante del peso inutile che trasportava dietro di sé come un’ombra triste; rimaneva in quella scena prosciugata di colori solo un puntino indecifrabile laggiù in basso che correva sulla spiaggia agitandosi disperato.

71 pensieri su “Jazz & kite

  1. Ciao.. Molto bello ciò che scrivi…
    A me piace volare e mi son immedesimata in Sandro…
    Povero Jazz, amico fedele, voleva aiutare il padrone ma ahimè è volato via.. Magari atterrerà in una spiaggia poco distante, o in un bel prato verde.. Chissà..
    Buona serata ciao Chiara

  2. Scrivi molto bene e l’abbiamo detto e ridetto, i finali a sorpresa, quasi sempre un po’ crudeli, sono la caratteristica che rendono unici i tuoi racconti. Ciao Bric!

    • Sei vai a vedere retrospettivamente però, i racconti con i finali tragici sono diminuiti sensibilmente.
      E questo perché, con l’età che avanza mi sto rimbambendo, intenerendo… 🙂

  3. lilasmile – Roma – Mi piace ridere e vivere delle piccole cose. Mi piace l'arcobaleno, la luna e la rugiada. Amo gli animali, amo la semplicità mentre detesto le maschere, i bugiardi.
    lilasmile il scrive:

    Mi è piaciuta moltissimo questa storia anche se il finale mi ha fatto venire un piccolo nodo in gola. Bravo!

  4. Più che un aquilone sembrerebbe un kite-surf, uno di quegli aquiloni che usano per fare surf, altrimenti non capisco come possa portarsi via il povero Jazz!

    • Affiderò a un collegio di ingegneri lo studio di fattibilità tecnica del trasporto di un cucciolo di border collie con un aquilone di grosse dimensioni e vento molto forte. Fra una novantina di giorni ti saprò essere più preciso 🙂

  5. BlondyWitch – Roma – Fashion designer, web editor, stylist e social media specialist, ho imparato a disegnare abiti ancora prima di saper scrivere!!! Ho una laurea in scienze della moda e del costume e un master in marketing e comunicazione nel settore moda e beni di lusso. Attualmente, dopo varie collaborazioni, lavoro come stilista free lance e per coniugare la mia passione per la moda con quella per la scrittura...ho deciso di aprire un blog! Adoro la moda, la pittura metafisica e quella surrealista di Dalì e Chagall, la fotografia di moda anni'50-'60 di Irving Penn e Richard Avedon, la musica rock, il mare in tutte le stagioni, la cucina eritrea e l'astrofisica.
    BlondyWitch il scrive:

    Brava briciolina, sempre ottimi racconti :* Buon inizio settimana!
    Claudia
    http://fashionblogbyblondywitch.wordpress.com

      • BlondyWitch – Roma – Fashion designer, web editor, stylist e social media specialist, ho imparato a disegnare abiti ancora prima di saper scrivere!!! Ho una laurea in scienze della moda e del costume e un master in marketing e comunicazione nel settore moda e beni di lusso. Attualmente, dopo varie collaborazioni, lavoro come stilista free lance e per coniugare la mia passione per la moda con quella per la scrittura...ho deciso di aprire un blog! Adoro la moda, la pittura metafisica e quella surrealista di Dalì e Chagall, la fotografia di moda anni'50-'60 di Irving Penn e Richard Avedon, la musica rock, il mare in tutte le stagioni, la cucina eritrea e l'astrofisica.
        BlondyWitch il scrive:

        Grazie! :* buon inizio d’autunno anche a te 😉

  6. Bel racconto, nonostante il finale da lacrimuccia o forse proprio grazie al finale da lacrimuccia. La scena finale ha un che di onirico, contrasta con il corpo della storia, cosi’ dettagliato e “reale”.
    Confesso che la mia prima reazione comunque e’ stata “ma..ma…ma come? Jazz….no, Jazz!” e lacrimuccia appunto 🙂

  7. tachimio – Buongiorno a tutti. Sono Isabella l'autrice di ''Miscellanea- Visioni e palpiti del cuore-pensieri nascosti sotto forma di parole''.Sono una donna di 59 anni, sposata dal 1975 con due figli grandi: Chiara,ballerina professionista di danza contemporanea dedita oggi all'insegnamento , sposata, e Andrea, laureato in economia vicino a diventare dottore commercialista a tutti gli effetti. Mio marito ingegnere è oggi tranquillamente(si fa per dire) in pensione.Ho detto ''si fa per dire'' visto gli impegni che si è creato per non rimanere sempre a casa(vedi amici ect.) Insomma una bella famiglia con a carico anche un gatto un pò vecchiotto e ora con qualche problemino di salute.Ho scritto questo libro senza sapere di essere ''portatrice sana'' di parole che sono uscite così, per caso, ma che una volta fuori, non ho potuto più controllare. Ora spero che qualcuno di voi possa essere interessato alla sua lettura.Posso solo dire che mia figlia con la sua vita di artista, ha senz'altro influenzato un pò la mia nel farmi apprezzare, attraverso la danza, l'arte e in generale il ''bello'' che si trova in ogni forma espressiva(retaggio anche della mia cultura classica).Con questo spero siate in tanti a leggere il libro.A presto Isabella
    tachimio il scrive:

    Molto bello e originale il tuo racconto, anche se la fine mi ha spiazzato lasciandomi triste davvero. Non posso immaginare la scena di Jazz che sparisce nel cielo. Un carissimo saluto e a presto. Isabella

      • tachimio – Buongiorno a tutti. Sono Isabella l'autrice di ''Miscellanea- Visioni e palpiti del cuore-pensieri nascosti sotto forma di parole''.Sono una donna di 59 anni, sposata dal 1975 con due figli grandi: Chiara,ballerina professionista di danza contemporanea dedita oggi all'insegnamento , sposata, e Andrea, laureato in economia vicino a diventare dottore commercialista a tutti gli effetti. Mio marito ingegnere è oggi tranquillamente(si fa per dire) in pensione.Ho detto ''si fa per dire'' visto gli impegni che si è creato per non rimanere sempre a casa(vedi amici ect.) Insomma una bella famiglia con a carico anche un gatto un pò vecchiotto e ora con qualche problemino di salute.Ho scritto questo libro senza sapere di essere ''portatrice sana'' di parole che sono uscite così, per caso, ma che una volta fuori, non ho potuto più controllare. Ora spero che qualcuno di voi possa essere interessato alla sua lettura.Posso solo dire che mia figlia con la sua vita di artista, ha senz'altro influenzato un pò la mia nel farmi apprezzare, attraverso la danza, l'arte e in generale il ''bello'' che si trova in ogni forma espressiva(retaggio anche della mia cultura classica).Con questo spero siate in tanti a leggere il libro.A presto Isabella
        tachimio il scrive:

        La tua simpatia è arrivata sin qui, l’avverto nell’aria.So che ti farai perdonare sicuramente. Un abbraccio. Isabella

  8. non capisco tutte queste critiche… uno scrittore, come hai ben puntualizzato, non scrive per gli altri o per far piacere a chi legge… scrive quello che si sente… e poi il finale dice tutto e non dice niente… un puntino che vola, che forse si libererà come è rimasto bloccato, per tornare a nuoto dal suo padrone (come già scritto da qualcuno anche io ho pensato ad un possibile finale finale che va oltre l’autore e che decide il lettore)
    un sorriso 🙂

  9. Ho letto il link, e anche il rinoceronte. Bè, sto ancora pensando a cosa potrebbe essere. Molto bella questa tecnica del finale delegato. Hai davvero una gran testa!
    Forse, chi legge, vuole trovare sempre la ciambella col buco, ma.. Non tutte… Insomma, lo sai 😉 😉

  10. oltrelautostrada – Modenese, quindi italiano, quasi (quasi!!) quarantenne, dipendente pubblico, sposato da 3 mesi alla data di apertura del blog. Appassionato fotografo, il mio tempo libero è tutto lì. A scattare. E ascoltare musica. E anche leggere, dai. E quando si può, a viaggiare. Insomma, a vivere.
    oltrelautostrada il scrive:

    Molto ben scritto, mi piace. Tendo a non reggere le storie senza lieto fine, e, peggior cosa, qui si parla di un cagnetto che si perde in mare. Peggio di così! Ma è una mia tara, il lieto fine non è obbligatorio. E’ da un po’ che ho smesso di provare a riguardare “Million dollar babe”. Tornando al racconto, il punto è che ti tiene lì, e DEVI leggerlo fino alla fine. Bravo.

    • Sì, il lieto fine per fortuna ancora non è obbligatorio.
      Forse, un giorno, i nostri arguti governanti penseranno a ricollegarvi uno sgravio fiscale. E allora, chissà… 🙂
      Grazie per i complimenti.

  11. banzai43 – Milanese del'43, sposato, due figli, ex dirigente di banca, poeta secondo l'ispirazione. Professo la libertà come un credo. Amo la bellezza e le arti tutte, fra esse la musica jazz e la fotografia. Senza libri sarei disperato. Nonostante tutto credo nell'amicizia. Amo visitare la città (in bicicletta) prendendomi tutto il tempo necessario, le montagne senz'esserne intimidito, la pesca senza trattenere il pescato, il profumo del pane appena sfornato, il sibilo del vento, il rumoreggiare delle foglie nella brezza, i viaggi ... Occupazione attuale? Professionista della libertà.
    banzai43 il scrive:

    Briciolanellatte? Bel nick … e molto bello il Tuo racconto, ancorché finita la lettura mi s’è stretto il cuore.
    Ho visto che sei passato dal mio blog, allora ho cercato il Tuo e m’è piaciuto. Ti metterò fra gli amici e Ti seguirò nel tempo.
    Vedo che fra i tuoi link c’è quello di sherazade, un’amica con la quale sono in contatto da tempo.
    Ciao. Buona domenica e buon inizio settimana.
    banzai43

    • Sì, sì, sì.
      I cucciolotti di cane, che pesano poche decine di grammi, potrebbero in teoria rimanere impigliati in grossi aquiloni ed essere trasportati con vento molto forte.
      Ci sono venti che sollevano mucche e autobus, figuriamoci un sacchetto di pelo.
      No, non voglio scherzare ed è per questo che scrivo racconti.
      Farti ridere non è compito mio.
      E nemmeno un mio dovere.
      Non sempre quello che scrivo può piacere. Me ne rendo perfettamente conto. Ma lo accetto. Entro certi limiti, ovviamente.
      Mi spiace molto per il cagnolino e il suo padrone cui fai riferimento nel tuo commento.

  12. Mi....semplicemente – sono una che non si ritrova nella definizione di normale, decisamente troppo razionale ... a volte triste, a volte romantica, ma soprattutto solare....
    Mi....semplicemente il scrive:

    non sempre tutto fila liscio, quindi accettiamo anche questi tristi finali 🙁

  13. Mmm, vediamo. Pezzo, come sempre, molto bello ma un finale con canetto triste e forse disperso nel mare non lo sopporterei quindi entro con la testa nella tua storia (permesso, si può?!) e sì, eccolo lì, il finale che mi farà dormire… Jazz! Lo vedo, è lì ed è riuscito a salvarsi dall’impeto del vento misto a mare grosso. é riuscito a liberarsi e, nuotando piano piano è arrivato a riva… che paura! pensavamo tutti al peggio e invece…Sei lì, sulla spiaggia che corri dal tuo padrone felice di rivederti, piccola grande Jazz! Ma questo lo sappiamo solo noi…
    Dimmi che è così, Briciolanellatte 🙂

  14. Pinuccia Dattoli – Sono una donna di sessantasette anni, mi piace il computer ci passo il mio tempo libero. Condivido con gli amici, le mie foto, le mie gif animate i miei viaggi in camper, le poesie e le preghiere che trovo su internet. Accetto commenti solo da siti seri!
    pinuccia513 il scrive:

    In effetti il finale è un po triste ma mi piace lo stesso ciao Bricciola

      • Ho letto tante critiche al tuo finale (tra l’altro non è mica scritto quel che succede alla bestiola).
        Ti sei mai cimentato nello scrivere una storia con diversi finali? La prossima potrebbe essere proprio così 😉
        Ognuno sceglierebbe quello che lo aggrada, e per te (magari) sarebbe una sfida.
        Buona domenica, e complimenti.

        • L’idea è ottima. L’ho già vista applicare qualche altra volta ed è intrigante. Ci penso.
          Quanto alla tua osservazione è giustissima e acuta. Il finale è volutamente ellittico, non scritto, in applicazione dei principi teorizzati in altre pagine di questo blog; se hai voglia di leggerle –> http://briciolanellatte.com/scrittura-creativa/il-finale-delegato/.
          E’ curioso questo rovesciare addosso all’autore la ‘responsabilità’ per quella che, in fondo, è solo una possibile interpretazione del lettore.

        • Lo scrittore non ha il compito di consolare, far ridere o distrarre chicchessia se non lo vuole. Ha solo il dovere di rendere al lettore un buon prodotto, scritto possibilmente in modo corretto e secondo i canoni dell’ordinaria letteratura; ma quello che ci mette dentro è indiscutibilmente affar suo, soprattutto se non scrive su commissione. Spetta al lettore scegliere se leggere o meno a seconda delle proprie necessità, attitudini, inclinazioni o stati d’animo. Se non gli piace è liberissimo di leggere pagine con altri finali e altre trame, ma non può pretendere che l’autore scriva quello di cui ha bisogno. Il narratore segue la propria fantasia e non scrive sotto dettatura, anche e persino se la vita è dura per tutti. Non sarebbe giusto, né naturale e sarebbe la fine della creatività e di questo blog.

        • Ok…mi hai convinto…certo però che un cagnetto così tenero mi sarebbe fatto piacere che si fosse salvato…fosse stato gatto avrebbe avuto in serbo altre 6 vite…dura la vita dei cani! Notte!

        • E infatti mi piace che continui a scrivere con la tua testa…senza farti condizionare da quello che vuole il lettore…ce ne sono troppe in giro di persone succubi, che diventano marionette della folla…e a prescindere da chi vuole un finale o un altro, se chi scrive non esprime una ispirazione diventa prodotto e finisce di essere generatore…di emozioni!
          cmq alla fine che si discuta su quello che scrivi sono convinta che non può fare altro che lusingarti…il pro e il contro è quello che si riserva alle cose interessanti!
          ANCORA NOTTE! Jazz mi manca però! Non riuscirò più a guardare gli aquiloni con gli stessi occhi!

  15. sherazade – rome, italy – "So qual'è il prezzo per conoscerti, e anche se posso sembrare riluttante a investire tutto quel patrimonio in una persona sola, non sopporterei l'idea di morire con tutto quel patrimonio"
    sherazade il scrive:

    No nn posso mi ribello al Mi piace.
    oggi è stata una giornata tristissima faticosa da superare tanto che neppure sally la cagnolotta ha gioito del parco.
    Credo che ora piangero’ senza ritegno perché tu mi hai dato il là.
    Sherazadeconlimmaginedellefalaisesnormanne

    • Mi spiace per la tua sally la cagnolotta e per il tuo pianto. Mi riconosci troppo potere.
      (Per il ‘Mi piace’ vuol dire che la prossima volta me ne darai due. In fondo non ho fretta) 🙂

Lasciami un tuo pensiero Annulla risposta