Il giardiniere

Cezanne-il giardiniereLe due donne si avvicinarono con circospezione al cancello. Quella più robusta aveva un pacco di volantini in mano, mentre l’altra, che sfoggiava sopra a un tailleur rosa una pettinatura fresca di parrucchiere, aveva le mani nervose e allacciate ai fianchi come se avesse dovuto principiare un comizio. Il cancello interrompeva la strada di accesso a una villa imponente, corteggiata da un giardino curato e pieno di colori, con tanto di piscina che mandava bagliori intermittenti come se nascondesse sul fondo pagliuzze d’oro.
Da un lato, un uomo di una certa età, con un cappellaccio di paglia bucato sulla tesa e la camicia strappata all’attaccatura della manica, stava raccogliendo con il rastrello gli aghi di pino; quel fruscio cadenzato nella quiete appisolata della campagna sembrava un suono naturale come il verso del cuculo tra le fronde dei cedri.
La donna in tailleur soppesò l’uomo e poi disse:
«Ehi capo…»
Quello continuò per qualche attimo ancora a rastrellare l’erba e poi, come se la voce avesse fatto fatica ad arrivare sin lì, alzò lo sguardo mettendo a fuoco le figure ferme all’entrata.
«Dice a me?»
«Sì, senta, un’informazione, per cortesia…»
«Volentieri, se posso…» fece avvicinandosi lentamente con il rastrello in bilico in una mano.
«Sa mica quando li possiamo trovare?» chiese con voce bassa facendo un cenno con il capo in direzione della villa.
Lui cavò dalla salopette un fazzoletto largo a quadrettoni con cui si deterse il sudore. Fece il gesto di tirarsi su con i gomiti i pantaloni che, per un attimo, mostrarono alla vita uno spago intrecciato:
«Mi dispiace, ma a me non dicono mai nulla. Non abitano qui a Poggiobrusco, ma ad Alvona. Sa come fanno questi ricconi… Stanno due o tre settimane senza venire e poi compaiono all’improvviso, magari alla testa di una comitiva cianciante di una decina di persone. Si stravaccano qua e là in giardino, bevono, mangiano, si mettono a fare il bagno in piscina e mi conciano il prato che è uno schifo… e poi devo pulire io, rimettendo ogni cosa al proprio posto. E dire che sono solo e nemmeno più tanto giovane…» fece scuotendo la testa.
Le due donne si guardarono l’un l’altra scambiandosi un segno d’intesa.
«Va bene, grazie» dissero all’unisono staccando le mani dal cancello.
«Mi spiace» fece ancora l’uomo alle loro spalle mentre le vedeva inerpicarsi per la salita verso la casa del fabbro.
«Sa per caso quando possiamo trovare i suoi vicini?» insistette una delle donne parlando al fabbro dopo essersi assicurate da lui una cospicua offerta per una delle tante associazioni locali. «Siamo venute già diverse volte, ma non troviamo mai nessuno. Solo oggi c’era il giardiniere…»
«Giardiniere?» fece il fabbro meravigliandosi.
«Sì, un signore con la barba, che stava pulendo il prato…»
«Ma quello è Torquato, il proprietario della villa. Non hanno un giardiniere! Fa tutto lui, per hobby.»

31 pensieri su “Il giardiniere

  1. sergioferraiolo – ROMA – La fotografia come racconto del momento, dell'avvenimento, dell'accadimento, anche minuto ed insignificante, mi è stata trasmessa dal nonno che si preparava da solo le lastre fotografiche comprando i prodotti in farmacia
    sergioferraiolo il scrive:

    Bello e simpatico, complimenti!!

  2. Sei sempre magnifico nelle descrizioni …immergono il lettore in uno scorcio di vita, come in un quadro. Poi infili dei meravigliosi sassolini nello stagno…con il tuo dico e non dico…ti faccio capire se ci riesci. Si, giudicare dalle apparenze è ridicolo ed è tipico della maggior parte delle donne, purtroppo, che sempre intente a guardare il pelo nell’uovo…prendono fischi per fiaschi (o l’asino per arciprete…come si suol dire!).
    COMUNQUE LA PARTE ESILARANTE E’ QUELLA IN CUI IL PROTAGONISTA SI AUTOCRITICA (VEDI “Stanno due o tre settimane senza venire e poi compaiono all’improvviso, magari alla testa di una comitiva cianciante di una decina di persone. Si stravaccano qua e là in giardino, bevono, mangiano, si mettono a fare il bagno in piscina e mi conciano il prato che è uno schifo… e poi devo pulire io, rimettendo ogni cosa al proprio posto. E dire che sono solo e nemmeno più tanto giovane”). SEMBRA VOGLIA FAR CREDERE DI ESSERE UN GIARDINIERE PER METTERE ALLA PROVA LE DUE BENPENSANTI. Infine mi piace anche il tailleur rosa….ahahah.
    Buona serata.

  3. viola – Sono madre di famiglia e nel mio tempo libero faccio fotografie di strada . Mi piace una frase delle opere di Michelangelo Pistoletto : Un libro. Il lato letterario del quadro, 63 frasi scritte sui telai di 31 quadri rovesciati, presentati alla mostra Mochetti, Piacentino, Pistoletto, Galleria Toselli, Milano, 1970 che dice :" L’arte è il tempo libero, per questo è il miglior investimento per chi non ha tempo libero.Scusa se mi ripeto." I am the mother of the family and in my free time I take photographs of the road. I like a phrase from "A Book, the literary side of the picture" written by Michelangelo Pistoletto says: "Art is the free time, for this is the best investment for those who have no free time .Sorry if I repeat myself."
    viola il scrive:
  4. Molto bello questo racconto e molto furbo il giardiniere 🙂
    Io ci leggo anche l’abitudine del giudicare le persone dall’aspetto, cosa che hanno fatto le due donne!!
    Saluti, Pat

    • Spesso non si ha tempo per giudicare le persone e l’aspetto può essere un segnale che però non è sempre facile da leggere

  5. Non mi piace usare il liked (raramente per ricambiare…) così sono tornata a leggere ed ho fatto bene: non mi sono persa un bel racconto.
    oh, che poi la stessa tattica la usiamo io e mio marito coi callcenter: chi si interessa dell’energia elettrica? Mia moglie , ma non c’è.
    🙂

    • Per ora è un trucco che funziona.
      Purtroppo come succede ai batteri che imparano a resistere agli antibiotici alcuni scocciatori si stanno facendo furbi e bisognerà inventare sempre nuove scuse 😉

  6. Ottimo sistema per allontanare gli scocciatori…….Bellissimo il quadro di Cézanne. Si tratta del giardiniere Vallier, che fu modello degli ultimi suoi ritratti.

  7. Che bella presa per i fondelli per le due donne. Il giardiniere dimesso e apparentemente povero in canna starà ancora ridendo delle due credulone.
    Magistrale pezzo, impreziosito da una frase che mi ha colpito molto
    “Sa come fanno questi ricconi… Stanno due o tre settimane senza venire e poi compaiono all’improvviso, magari alla testa di una comitiva cianciante di una decina di persone. Si stravaccano qua e là in giardino, bevono, mangiano, si mettono a fare il bagno in piscina e mi conciano il prato che è uno schifo… e poi devo pulire io, rimettendo ogni cosa al proprio posto. E dire che sono solo e nemmeno più tanto giovane”. La classica ciliegina sulla torta.

  8. Elena – Lecco – Mi chiamo Elena ho 50 anni, abito a Lecco, ridente cittadina manzoniana e sono una divoratrice di libri, oltre alla passione per la cucina che mi ha portato a creare un blog tutto mio nel 1998 http://www.nellacucinadiely.com, ho pensato fosse giunto il momento di aprirne uno che parlasse della mia passione per i libri. Non un blog classico ma un blog di gruppo, aperto a tutte le persone che innamorate come me dei libri vogliono partecipare a questo blog inserendo consigli, recensioni, notizie utili che parlino di libri e della loro magia.
    Elena il scrive:

    Ohhhhh mi piace! Non conoscevo guesto genere di scrittura ma già dopo questo post mi hai conquistata, Ora me li leggo per bene, grazie dellatua visita! Buona domenica pomeriggio!

  9. poetella – da piccola, quando leggevo Piccole donne...(ero proprio piccola, un'era fa...) quando lo leggevo avevo la mia preferita, tra le sorelle. Ovviamente era Jo, la scrittrice. Scrivere, diventare una "scrittrice vera" , era il mio sogno... Poi la strada che ho scelto mi ha distanziato da quel sogno... Ma ora, perché no, forse... Quattro libri pubblicati, al mio attivo "Bagliori d'esistere", una raccolta di poesie (Rupe Mutevole, 2010) "Storia senza rima" (Progetto Cultura. 2011) una storia narrata parte in poesia, parte in prosa... Poi il mio primo romanzo, vincitore del premio Mangiaparole, (Progetto Cultura 2012). Infine un e-book: Amori amari. (Matisklo edizioni - 2013) Ma si continua a "studiare"... a leggere in modo compulsivo... a scrivere, ovviamente e chi sa...
    poetella il scrive:

    furbetto il tipo!

  10. sherazade – rome, italy – "So qual'è il prezzo per conoscerti, e anche se posso sembrare riluttante a investire tutto quel patrimonio in una persona sola, non sopporterei l'idea di morire con tutto quel patrimonio"
    sherazade il scrive:

    Dove l’ abito nn fa il monaco e…l’apparenza inganna 😉
    Shera

Lasciami un tuo pensiero Annulla risposta