Di cuoio e sangue

Luca osservava il gatto come se potesse suggerirgli come proseguire. Il certosino, sentendosi osservato, aveva aperto gli occhi color ambra, grossi come due fari antinebbia, e, dopo essersi accertato che il mondo se la sarebbe potuta cavare anche senza di lui, si distese in una posizione improbabile e si riaddormentò.
L’uomo continuava a guardare il cursore che lampeggiava ipnotico sul display: il capitolo settimo si rivelava più impegnativo del previsto. La trama complessiva l’aveva bene in mente, anche i personaggi erano sul tavolo, persino quelli secondari, sebbene non tutti. Dopo un inizio fulmineo e un incipit strepitoso ora però si trovava inchiodato come una staccionata di un pascolo dismesso: doveva raccordare la prima parte al momento in cui la storia diventava più densa e, soprattutto, doveva mettere sulla strada dell’investigatore un indizio apparentemente insignificante, ma utile alle indagini; gli venivano in mente però solo idee banali e già sfruttate e la scena che stava curando, inoltre, aveva la consistenza di una maionese impazzita. La cosa più preoccupante era che la scaletta dei tempi per la prima stesura era già saltata e la fiducia di arrivare in fondo con successo si stava sfaldando giorno dopo giorno.
Si alzò dalla scrivania prendendo a camminare per la stanza come faceva di solito quando voleva ritrovare la concentrazione. Dopo qualche minuto, arrivò alla conclusione che doveva distrarsi. Il gatto lo sorvegliava sotto le palpebre socchiuse; quando lo vedeva comportarsi in quel modo lo trovava proprio buffo, sicché decise di lasciarlo fare e di rimanere sdraiato dov’era. In fondo, mancava un’ora buona ai croccantini della sera.
Luca scese allora alla libreria sotto casa. Respirare l’aria della carta stampata aveva sempre un buon effetto sul suo umore e, magari, avrebbe potuto comprare anche qualche buon libro. Nella sezione novità vide che era uscito l’ultimo lavoro del suo scrittore di gialli preferito. Lo sfogliò qua e là. Quello sì che era scrivere! Dopo tanti bestsellers, la prosa era ancora fresca, il linguaggio preciso, la capacità descrittiva intatta. Anche la trama era interessante e originale. Posò il tomo di più di seicento pagine provando ammirazione mista a invidia. A giudicare poi da tutti quegli altri libri accatastati davanti a lui, c’era evidentemente chi non sapeva neppure cosa fosse il blocco dello scrittore. Gli stava venendo il nervoso. Non era stata una buona idea, dopo tutto, entrare lì dentro. ‘Di cuoio e sangue’, lesse su una copertina mentre stava andando via. Bel titolo! Perché non era venuto in mente a lui? Sarebbe stato perfetto per il suo thriller. Anche la copertina non era affatto male. Una foto accattivante, semplice, ma accattivante. Sarebbe stata l’ideale anche quella. Il libro era di un certo ‘Mister Parker’. Strano, pensò, anche il mio gatto si chiama così e gli venne da sorridere. Scorse qualche pagina e impallidì. Era la sua storia, parola per parola. Scritta molto meglio di quello che fino a quel momento aveva potuto fare: ma non c’era dubbio, era la sua storia. Anche i personaggi erano gli stessi e la trama identica. Andò al capitolo settimo dove si era fermato poco prima seduto alla sua scrivania e lesse il seguito. Ma sì, certo, come aveva fatto a non pensarci? Era quella la soluzione giusta e geniale! Come aveva fatto questo tizio a copiargli il manoscritto, proprio mentre lo stava scrivendo? Diede un’occhiata alle note biografiche dell’Autore. Mister Parker era ovviamente uno pseudonimo, ma tutte le indicazioni riportavano a lui: anno di nascita, età, scuole, hobby, persino i (pochi) premi letterari vinti. Mister Parker era lui! Ma cosa stava succedendo?
Tornato a casa, sotto lo sguardo accondiscendente del certosino, lesse il libro tutto d’un fiato. Le sue idee c’erano tutte. Sembrava il ‘suo’ libro sei mesi dopo, con tanto di editing raffinato. Gli batteva forte il cuore. Non è che questa è una di quelle vicende che, come nei film peggiori, alla fine, suonerà alla porta il diavolo che in cambio del libro vorrà la mia anima? Si domandò inquieto. Non sto sognando, pensò, ne sono sicuro; ho questo maledetto blocco da settimane e ora ho la possibilità di copiare da me stesso. Non è possibile! Cosa c’è sotto? Ci rifletté sopra. A pensarci bene, anche se avesse voluto, non sarebbe stato più in grado di tornare indietro: era già debitore di chi gli aveva fatto trovare il ‘suo’ libro. Era in trappola. Grazie a quella lettura, poteva con facilità continuare a scrivere spedito tutto il resto del romanzo. Ma sì, pensò, che male ci potrà mai essere? Non è forse già scritto da me? Tanto valeva approfittarne. Il libro era stupendo, ne sarebbe uscito un capolavoro che lo avrebbe definitivamente imposto sulla scena letteraria. E poi quella era l’unica copia che aveva visto in libreria. Com’era capitata lì non era affar suo. Al resto ci avrebbe pensato poi. L’importante era che il libro fosse saldamente nelle sue mani e che potesse concludere il lavoro nei tempi previsti.
Si mise alla scrivania e non fece altro che ricopiare al computer il testo del ‘suo’ libro. Gli sembrava di fare qualcosa di disonesto anche se trovava paradossale copiare da se stesso e sentirsi nel contempo in colpa.
Stava ‘scrivendo’ febbrilmente il ventesimo capitolo quando sentì suonare alla porta. Il gatto fece un salto dallo spavento e si mise a soffiare in direzione dell’ingresso. Luca capì che non era di buon auspicio. In preda a un pessimo presentimento andò ad aprire. Nel quadro della porta apparve un uomo vestito di scuro, né giovane né vecchio, gli occhiali a specchio che gli coprivano il volto insieme a una folta barba nera e una sigaretta accesa penzolante all’angolo della bocca.
«Sono qui per il libro» disse in modo secco senza tanti preamboli.
Ecco, ci siamo, pensò Luca. «Libro? Quale libro?» provò a mentire.
«Non faccia il furbo: il libro di Mister Parker, quello che ha preso in negozio…» disse l’uomo in scuro con un mezzo sorriso storto: la cenere gli cadde per terra.
«Ah, quello…»
«Si proprio quello… »
Luca si guardò in giro, impacciato, non sapeva che dire. Poi, fece un lungo respiro e, pronto a tutto, disse in modo grave: «Va bene, ha vinto lei. Cosa devo fare?»
«Se ne è andato senza pagarlo. Lei è un buon cliente della libreria e il principale sa quanto lei sia distratto. Mi hanno mandato su a dirglielo. Se potesse per cortesia passare in negozio per regolare…»

27 pensieri su “Di cuoio e sangue

  1. alice – Sono pensionata , mi piacciono i gatti, sono appassionata di minerali, arte , giardinaggio , di comunicazione e sono una fotografa di buon livello. E lo so, la comunicazione è essenziale in politica e nella vita sociale..... e questo è molto importante per me , ma a modo mio. Sono curiosa e seguo i miei interessi del momento, che possono variare anche di giorno in giorno , da brava gemella sono irrequieta e mi soffermo spesso con ironia a guardare il mondo e me stessa sempre piuttosto irrispettosa dei luoghi comuni , o almeno ci provo. Alice non è il mio vero nome e in questo cyberspazio io mi sento come Alice nel mondo delle meraviglie. Scopro ogni giorno qualcosa di nuovo per me e cerco di comunicarlo nel mio blog , se ci riesco, soprattutto con immagini prese dal web o mie . La mia passione da una vita è la fotografia, da giovane mi stampavo le mie foto e ora mi sto gradualmente abituando alla fotografia dei pixel, ma i miei temi sono sempre quelli, la natura e le piccole cose ingrandite per mostrare piccoli mondi naturali , ma sono anche un'ottima ritrattista mi piace vedere l'anima delle cose e delle persone tramite le immagini ma non sono affatto religiosa e il mio blog sarà totalmente laico, in tutti i sensi.
    alice il scrive:

    non leggo mai racconti, ma l’idea del certosino mi ha accalappiato e poi mi ha accalappiato la narrazione, piena di echi un po’ kafkiani , bello !

  2. Jessica Servidio – Nasce in un freddo pomeriggio di dicembre, nel pieno delle feste natalizie. Consegue un diploma di ragioneria. Perché? Vi consiglio di non chiederglielo. Pur avendo una formazione prettamente tecnica è da sempre dedita alla scrittura e al mondo che racchiude. Le piace scattare fotografie come istantanee dal quale estrapolare parole altrimenti perdute; le piacerebbe anche saperlo fare bene. Altre sue passioni sono la lettura, il disegno. Ma vi consiglio di non chiederle di mostrarvene uno. Le cose che più la irritano sono i logorroici inopportuni, i provoloni sui social network e i bagni pubblici dei treni (ma chi vuole prendere in giro, la lista sarebbe infinita). Spera di riuscire a spiccare il volo, sempre che le sue ali non rimangano ancorate al terreno.
    Jessica Servidio il scrive:

    Già quando si parla di gatti rizzo le orecchie, e poi un racconto come questo come potrebbe non piacermi? Peccato per il lieto fine, sono più per la tragedia, ma questa è una mia malattia personale (in fondo i lieti fine li adoro anch’io, si tratta probabilmente della paura che prima o poi un qualcosa si rovini; ma è normale, e ne varrà sempre la pena)

    • L’epilogo a tragedia, in questo caso, forse era eccessivo, non so… Diciamo piuttosto che non mi è venuto spontaneo.
      Grazie per il tuo passaggio

  3. bello. mi piace l’idea che, alla fine, non solo Luca romanziere in crisi abbia potuto scrivere il suo libro, ma anche che briciolanellatte abbia potuto scrivere il suo racconto.
    : )
    poi, al di là di aldilà e spiegazioni quantistiche più o meno allargate, mi piace il senso più naturale e filosofico del corpo testo, ovvero che, come ben sa il gatto mister parker, assai spesso basta addormentarsi perché il mondo vada avanti anche senza di noi, ovvero, perché le parole scrivano e sovrascrivano la realtà indipendentemente dal nostro volere.
    insomma, come dire, siamo utili ma non indispesabili alle parole.
    : )

  4. Il silenzio serbato mi fa supporre che un po’ autobiograficamente non ti viene voglia di scrivere! Spero ti sia rimesso in moto per uscire alla grande dal silenzio stampa. Un saluto

  5. Gran finale!
    Ricordo sempre un tuo racconto che mi era piaciuto tantissimo con un finale a sorpresa da brividi! Quello della vecchietta e degli uccellini
    L’avevo letto su caffè letterario e,se ricordo bene,l’avevi postato tu
    Fantastico quel racconto
    Buona domenica

    • Sì, me lo ricordo. Era il mio periodo ‘noir che più noir non si può’. 🙂
      Grazie e buona domenica anche a te.

  6. Alessandra Bianchi – Mi chiamo Alessandra Bianchi. Amo ballare, nuotare, il sole, il mare e il vento. Ho scritto un romanzo,"Lesbo è un'isola del Mar Egeo" (Borelli Editore, collana Pizzo Nero), che era reperibile nelle migliori librerie (Mondadori, Feltrinelli, etc.) e su vari portali (IBS, ad esempio); ma che adesso è esaurito. Il libro costava 12 euro. Il mio secondo libro si intitola "Sognate con me" ed è una raccolta di racconti, tratti dal mio blog. Costa 10 euro.
    Alessandra Bianchi il scrive:

    A livello di Stephen King.

  7. Copiare se stessi è controproducente…meglio essere originalmente naturali…eheheh…
    Il gatto è sempre autentico…riga dritto sulle sue necesità: i croccantini!!!
    Mi piace come fai immergere il lettore nel tuo mondo.
    ciao

  8. map85 – Italy – I'm teacher of Italian and classical languages. I like poetry and theatre and with my pupils I organize classical and modern dramas. I am a member of the social network "The School that Works" http://www.lascuolachefunziona.it/
    map85 il scrive:

    D’accordo. Il libro deve pagarlo, ma resta insoluto il mistero intorno all’autore,
    al tentato plagio da parte di Luca eccetera.
    Forse sarà materia per un altro racconto, che ne dici Briciola???

    In quanto al dilemma gatto o cane, io preferisco il primo: si fa i fatti suoi e non
    ti chiede con occhi adoranti di ricambiare la sua devozione o di portalo a passeggio…

    • Perché no? Ci penso.
      Per il gatto sono pienamente d’accordo con te. I cani non sono mai stati la mia passione. E i loro musetti adoranti men che meno.

  9. Minigiallo con soluzione a sorpresa. Luca pensava al dottor Faust di vetusta memoria del quale il diavolo tentò invano di conquistare l’anima, quando vide comparire quell’uomo vestito di nero.
    Un sottile gioco delle ombre con lo scrittore incagliato e la scoperta casuale della sua opera pubblicata. Certo che il certosino, Mister parker, è un bel sornione. Me lo cedi?

  10. L’ultima frase è emblematica… il “titolare” di sotto che viene a riscuotere… e il gatto sornione che “sotto le palpebre” sorveglia tutto… bello!
    Un sorriso

  11. sherazade – rome, italy – "So qual'è il prezzo per conoscerti, e anche se posso sembrare riluttante a investire tutto quel patrimonio in una persona sola, non sopporterei l'idea di morire con tutto quel patrimonio"
    sherazade il scrive:

    Pathos fino all ultima battuta. Un sogno ad occhi aperti o l incubo di uno scrittore in crisi?
    Forse un cane dal muso adorante lo avrebbe aiutato a essere calmo.
    Shera

    • Mi piace pensare piuttosto a una frattura del continuum spazio-temporale.
      Sono io che sogno a occhi aperti.

      • sherazade – rome, italy – "So qual'è il prezzo per conoscerti, e anche se posso sembrare riluttante a investire tutto quel patrimonio in una persona sola, non sopporterei l'idea di morire con tutto quel patrimonio"
        sherazade il scrive:

        Ottimo 🙂

Lasciami un tuo pensiero