Note colorate

note colorate

«Quali referenze può offrire?» chiese con sussiego l’Assistente unendo le due mani per i polpastrelli e dirigendole a cuspide verso l’uomo. Un generoso riporto sale e pepe gli copriva il cranio a uovo accentuando l’atteggiamento untuoso e distaccato che aveva assunto. «Il Maestro è molto esigente e ci tiene che il lavoro sia ben fatto» fece ancora con una certa cantilena come se quella frase l’avesse ripetuta così tante volte da farle perdere ogni significato. Il cingalese davanti a lui, nell’allungare un foglio stropicciato, approfittò della smorfia che aveva visto increspare il viso marmoreo del suo interlocutore e chiese:
«Però non ho capito in cosa consisterebbe il lavoro. L’annuncio faceva riferimento a delle pulizie… ehmm… particolari. Quanto particolari?» e sfoderò un sorriso luminoso che l’Assistente non notò neppure: aveva assolutamente bisogno di quel lavoro, anche a costo, pensò, di cambiare lui stesso l’olio a quel riporto.
«Se sarà assunto lo capirà» concluse l’altro, asciutto.

Quando il cingalese entrò nell’ampia sala, candida come la banchisa polare, vide il Maestro Ruud Christian Weber immobile, in frac, seduto al centro della stanza, gli occhi chiusi davanti a un Bosendorfer nero come uno scarafaggio. La scena sembrava finta tanto era irreale. Nell’accostare dietro di sé la porta, il legno scricchiolò in modo impercettibile e il Maestro alzò la testa da un lato, come solo una persona cieca poteva fare. «Lei è l’uomo assunto per le pulizie, vero?» chiese il pianista con voce morbida, quasi melodiosa. L’acustica del luogo era perfetta, una sensazione assoluta e infinita di suono, anche se, a parte il mastodontico pianoforte che giaceva grintoso pronto a balzare fuori dalla vetrata, lì dentro non c’era nient’altro .
«Sì, Maestro, mi chiamo Qwara.»
«Hai l’occorrente?»
«Certo!» rispose il cingalese alzando nella sua direzione una scopa di saggina, ma rendendosi subito conto di quanto potesse essere stupido quel gesto indirizzato a un non vedente. Sorrise imbarazzato. Approfittando di aver aperto un dialogo con il pianista, domandò: «Però non ho capito bene quale sarebbe il mio compito, qui mi sembra tutto così pulito…»
Il Maestro non lo stava già più a sentire e si mise a suonare. Qwara fece spallucce e iniziò a camminare per la sala guardandosi attorno; trascinava svogliatamente la scopa e il carrellino con i secchi e gli stracci come se si chiedesse dove avrebbe potuto nasconderli. Non c’era dubbio: il pavimento, le pareti frastagliate di mogano e perfino i lampadari erano immacolati. Non gli era mai capitato una cosa simile. Avrebbe dovuto forse pulire il pianoforte? Proprio mentre il Maestro suonava? Eppure gli era stato raccomandato espressamente di restare lì proprio mentre Weber era al piano.
A un certo punto, Qwara vide attraversargli il campo visivo alcuni uccellini grigi o dei fazzoletti scuri che volteggiavano lentamente per aria accendendosi di colori vividi e luminosi; si muovevano confusi senza una direzione precisa, sospinti da una brezza immaginaria, per poi cadere uno dopo l’altro mulinando come foglie secche e rimbalzando sul pavimento. Si avvicinò. No, non erano uccellini, né fazzoletti: erano note musicali. Minime, crome, biscrome fuoriuscivano dal pianoforte liberate dalle corde percosse dai martelletti collegati ai tasti. E, man mano che il concerto progrediva, presero ad accumularsi a terra ovunque creando uno spessore consistente tutt’attorno. Qwara capì, finalmente, quale sarebbe stato il suo lavoro. Si chinò prendendone una manciata: avevano la consistenza a metà tra il panno lenci e la plastica morbida. Erano già diventate grigio pietra anche se alcune sembravano ancora vive perché gli vibravano tra le dita. ‘Ci si può fare un mucchio di soldi con questa roba’ pensò. ‘Sono note di un pianista di fama mondiale e, per giunta, ciascuna nota è firmata con il suo nome’. Così, mentre il Maestro suonava, l’uomo riempì diversi sacchi con cui stipò il furgone della ditta. Ma, alla fine del concerto, anziché recarsi alla discarica, si portò nel quartiere sud della città.

«Amitesh, ti assicuro, sarai contento quando vedrai cosa ti ho portato…» gli disse Qwara con la voce che gli tremava. L’uomo, basso e tarchiato, lo guardava torvo. Dietro di lui, due uomini affilati e dall’aspetto minaccioso se ne stavano in disparte apparentemente non interessati a quella conversazione. «La piazzerai in un attimo, te l’assiscuro…» insistette Qwara «dammi ancora un po’ di fiducia. I soldi non te li posso restituire subito, ma questa roba ti renderà milionario…»
«Se mi freghi anche questa volta, Qwara, ti farò andare in giro con un paio di branchie nuove nuove…» disse rigirandosi qualcosa tra le mani che nella penombra lui immaginò essere un coltello. Il cingalese scese sollecito dal furgone e, aperto il portellone, tirò giù un sacco della spazzatura. L’aprì. Anche se la luce del neon del vicolo era debole e intermittente il contenuto si vide benissimo: c’era solo cenere là dentro. Grigia, impalpabile, insignificante cenere di caminetto.

37 pensieri su “Note colorate

  1. Geniale l’idea delle note che escono dal pianoforte e molto poetica la loro descrizione. Riesco ad immaginare la scena (ovviamente a modo mio) coem se fossi presente.
    Bravo!

  2. Nicola Losito – Milano - Italy – Ho completato il mio ciclo di lavoro attivo e ora vorrei adoperare il tempo che mi rimane per fare qualcosa che piace a me, senza che nessuno mi soffi sul collo. Chiedo Troppo? Diventare un blogger è l'ultima delle mie trovate divertenti.
    Nicola Losito il scrive:

    Anche nelle favole l’ingordigia non porta fortuna.
    Mi pare di vedere la faccia del cingalese quando apre il sacco…
    Nicola

  3. Mirabile l’effetto finale che insegna sempre: la musica è preziosa per chi merita. E… l’incantesimo non svanirà mai. Un caro saluto e un augurio per il meglio in questo 2014. Univers

  4. Cominciato a leggere ieri sera ma l’arrivo degli ospiti ha rotto l’incantesimo della lettura.
    Ripreso oggi con qualche difficoltà (il link era modificato), rileggo con la docuta calma e meditazione.
    Il povero cingalese aveva necessità di lavorare ma preso dall’ingordigia di fare fortuna, raccoglie le note colorate senza pensare che in mano sua si sarebberoi trasformate. Come? In cenere o in qualsiasi altro materiale.
    Sono note solo per chi sa apprezzare la bella musica (il musicista cieco), è cenere per chi materialmente pensa di ricavarne un profitto.
    Gli elogi si sprecano e sembrano vuoti ma nonostante tutto devo affermare con forza che scrivi splendidi racconti

  5. Quando l’arte diventa realtà…si materializza…eheheh
    Mi hai fatto stare con il fiato sospeso…la sensazione è stata quella di correre per le scale per arrivare in terrazza…senza prendere un minuto di respiro.
    Sei sempre una piacevole sorpresa!!!
    CIAO

  6. Speravo che alcune note si fermassero sulle pareti linde componendo una maestrale sinfonia e Qwara avrebbe dovuto poi pulire le pareti per far ripartire la sinfonia… ma il finale… lascia con il fiato sospeso come un concerto di grande impatto… ma la musica è viva finchè la si ascolta con il cuore ma quando se ne vuole trarre guadagno allora diventa cenere
    Complimenti!!!

  7. Che dire…complimenti Briciolanellatte. Mi affascinano molto le descrizioni che fai perchè davanti agli occhi si creano le immagini di quello che descrivi ma contemporaneamente sembra quasi di sentire la musica che può generare delle note come quelle. Grazie. Buona giornata

      • credo che con il tuo finale a sorpresa hai ottenuto proprio l’effetto voluto: lo spaesamento…ed è quello che intendevo dire col mio commento. Quel poveraccio si aspettava di far fortuna e si è ritrovato con un pugno di mosche, anzi cenere… complimenti come sempre 🙂

Lasciami un tuo pensiero Annulla risposta