Il suono della pioggia

lei nella pioggiaLa serata non era andata come aveva sperato. Lei gli era sembrata distante, indifferente: un sorriso triste in bilico tra l’ombra e la notte. Era successo qualcosa, se lo sentiva. Avrebbe voluto insistere per saperne di più, ma la reticenza di lei lo aveva trafitto nell’unico punto all’altezza del cuore ove l’armatura che aveva cresciuto per difendersi dal mondo era formata di petali di rose.
E dire che per incontrarla e farsi imprestare la macchina dal padre si era dovuto inventare una scusa. Una maledetta scusa. Se il vecchio avesse scoperto che non era andato da quel suo amico a studiare, questa volta gliel’avrebbe fatta pagare.
Quando si ritrovò in macchina per il rientro, si accorse che era davvero tardi. Aveva più di cento chilometri da percorrere e la pioggia, che nel frattempo era iniziata a cadere con violenza, non l’avrebbe aiutato. Accese il quadro del cruscotto e la spia della riserva allagò di giallo l’abitacolo. A Lughi, con quella poca benzina, non ci sarebbe mai arrivato. Alla stazione di servizio poco distante, al riparo della pensilina, si frugò nei jeans. Alla fine trovò, in fondo a una tasca, due banconote appallottolate da 10 e da 20 euro. Forse sarebbero bastate. Cercò di stirarle prima di inserirle nella slot. Provò prima con quella da 10, ma la colonnina mangiasoldi, che sembrò pensarci su per un po’, gliela risputò con una certa platealità. Il ragazzo guardò l’ora. Gli stava montando il panico. Posò la banconota sul pianale per togliere tutte le pieghe aiutandosi con la chiave della macchina. Avrebbe voluto concentrarsi su quella operazione ma continuava a pensare a lei, al suo bel viso nella penombra incerta, i capelli ramati contro un cielo spillato di stelle. Piazzò nuovamente la banconota davanti all’imboccatura. La colonnina questa volta ci impiegò qualche secondo in più ma alla fine gliela rifiutò ancora. Si guardò in giro per chiedere aiuto; gli rispose solo il fragore della pioggia che formava grosse bolle iridescenti nelle pozzanghere scure. Fece un altro tentativo. La slot, emettendo un verso più gutturale e profondo, agganciò la banconota e la trascinò con gusto nel suo ventre gelido. Il ragazzo sospirò. Nel frattempo un tuono assordante deflagrò sulla sua testa che di istinto abbassò. Stando acquattato inflò la seconda banconota. La colonnina mangiasoldi la spostò in avanti e in dietro, come per assaggiarla, indecisa sul da farsi, poi la ingoiò di slancio. Il ragazzo si affrettò allora ad aprire il bocchettone e il tappo del serbatoio della macchina. Premette il pulsante dell’erogatore e alzò la pistola della pompa del numero corrispondente. In quello stesso istante venne meno la corrente elettrica. Si spensero i neon della stazione di servizio, i lampioni radi sulla strada e una piccola lampada davanti a una villetta. Erano rimasti solo gli abbaglianti della macchina a tagliare in due il nero assoluto di una notte che sembrava voler lottare contro quello sfregio di luce; le gocce di pioggia attraversavano oblique i fasci fumanti andando a perdersi con furia in un’altra dimensione mentre la pompa della benzina si era invece ammutolita, pian piano, come un animale ferito che si arrendesse al proprio destino. Lui si sedette per terra, svuotato: gli mancava il respiro. No, non aveva altri soldi per un altro distributore. Guardò l’ora. Era l’una passata. Sapeva che lei non l’avrebbe potuta chiamare. E nessun amico degno di questo nome sarebbe mai venuto in suo soccorso a quell’ora, con quella pioggia, e da così tanto lontano. Guardò ancora l’orologio. Era sempre l’una passata. Attese immobile che tornasse la corrente come se quella fosse l’unica soluzione al problema. Il vento, intanto, continuava a sbattere con ottusa ostinazione, l’un contro l’altro, i cartonati della pubblicità aumentando il senso di desolazione di quel luogo. Capì allora che l’unica vera soluzione era chiamare il padre. Sarebbero stati litigi a non finire e insulti e alla fine qualche punizione esemplare. Ma non poteva rimanere lì. Compose il numero. Quando, senza quasi neppure uno squillo, sentì dall’altro capo del filo quella voce tanto amata e tanto odiata, voleva chiudere la comunicazione; ma avvertì che in quel timbro non c’era né rabbia né ostilità ma, per la prima volta, una nota di cupa tristezza. Il ragazzo spiegò ogni dettaglio e quindi si chiuse nel suo solito mutismo aspettandosi il peggio. ‘Arrivo immediatamente’ sentì unicamente dire e poi più nulla, solo il battito del suo cuore.

La vettura aveva già lasciato la stazione di servizio per raggiungere il luogo dell’appuntamento quando nella piazzola giunse un altro veicolo. Ne scese una persona che si guardò attorno incuriosita per il fatto che fosse tutto buio. La ragazza girò con aria spavalda attorno alle pompe di benzina quasi cercasse l’interruttore. Come aveva visto fare tante altre volte alla madre con il televisore di casa, diede una manata a un erogatore; bastò qualche secondo perché si accendessero tutte le luci della stazione di servizio, della casa vicina e sulla strada. La ragazza, soddisfatta, stava per inserire una banconota quando la colonnina mangiasoldi si mise a ronzare pensierosa per qualche attimo: al termine, partorì silenziosa uno scontrino. Lei, con un gesto automatico, si ravvivò i capelli ramati per la sorpresa. L’inchiostro era sbiadito, ma, con un po’ di sforzo, riuscì a leggere:

Buono di euro 30 per carburante non erogato, riscuotere alla cassa. Ci scusiamo per il disagio’.

57 pensieri su “Il suono della pioggia

  1. Bellissimo racconto: fluido, a tratti incalzante, connotato al punto giusto. davvero complimenti.
    Ciao
    Marirò

    p.s. il padre ha fatto il mestiere di padre.

  2. guido mura – Milano – Ho svolto varie attività: insegnante precario di lingua e letteratura italiana all'Università, bibliotecario, insegnante d'informatica, fotografo digitale. Ho pubblicato brevi saggi di letteratura e di varia cultura, in vari libri e riviste. Mi diverto a scrivere e pubblicare testi narrativi e poetici; talvolta compongo musica. Attualmente vivo a Milano. Gestisco il blog guidomura.wordpress.com - Ora mi trovate anche su Facebook, LinkedIn, Instagram, Google+, Pinterest e sul mio canale youtube.
    guido mura il scrive:

    Il tempo e il caso: robe da sliding doors 🙂 Comunque l’uso di dare botte ai dispositivi discende dalle esperienze fatte con i vecchi motorini, che solo con le botte, di solito, ripartivano!

  3. Pinuccia Dattoli – Sono una donna di sessantasette anni, mi piace il computer ci passo il mio tempo libero. Condivido con gli amici, le mie foto, le mie gif animate i miei viaggi in camper, le poesie e le preghiere che trovo su internet. Accetto commenti solo da siti seri!
    pinuccia513 il scrive:

    Molto bello ….molto piacevole leggere, La descrizione è perfetta in ogni particolare, Brava!

      • Pinuccia Dattoli – Sono una donna di sessantasette anni, mi piace il computer ci passo il mio tempo libero. Condivido con gli amici, le mie foto, le mie gif animate i miei viaggi in camper, le poesie e le preghiere che trovo su internet. Accetto commenti solo da siti seri!
        pinuccia513 il scrive:

        Certo mi piace molto come scrivi, ti seguirò ancora buona notte.

  4. Cmq tante volte funziona meglio un foglio di carta con una penna, per esempio oggi al mio ufficio i tornelli erano guasti per mancanza di corrente e neppure collegati ad un gruppo elettrogeno: siamo sopravvissuti oggi, quindi aboliamoli per sempre!!! Se non servono non servono!!!w la carta e la penna!!!

  5. Federica Bianchi – Scrivo, amo i dolci e vorrei una Birkin. 30 anni, mamma e sognatrice compulsiva. Little è la mia taglia, pepper la mia anima e un tocco di rosa non sta mai male. Trova il tuo pensiero felice e spicca il volo, il mio motto. Non sono confusa, ma ben miscelata. Perché la vita è un casino ma è meravigliosa!
    Federica Bianchi il scrive:

    guarda scrivi veramente bene! fluido, scorrevole e coinvolgente!
    baci
    Fede

  6. Pingback: Un riassunto di settembre | allsho's blog

  7. Alessandra Bianchi – Mi chiamo Alessandra Bianchi. Amo ballare, nuotare, il sole, il mare e il vento. Ho scritto un romanzo,"Lesbo è un'isola del Mar Egeo" (Borelli Editore, collana Pizzo Nero), che era reperibile nelle migliori librerie (Mondadori, Feltrinelli, etc.) e su vari portali (IBS, ad esempio); ma che adesso è esaurito. Il libro costava 12 euro. Il mio secondo libro si intitola "Sognate con me" ed è una raccolta di racconti, tratti dal mio blog. Costa 10 euro.
    Alessandra Bianchi il scrive:

    Ricorda Stephen King, però scritto meglio.

  8. Chi non ha mai chiamato il padre nel cuore della notte per essere salvato da una macchina che ci ha lasciato a piedi? O, ancor peggio, da qualcosa che non funziona, facendosi scoprire così… stupidamente bugiardi. Perché le bugie hanno le gambe corte, anzi… le macchine hanno spesso un serbatoio stupidamente piccolo.
    buona domenica

  9. primi passi per creare – Sono Stefania, ho qualche anno..nata e cresciuta in Calabria mi trasferisco da poco a Roma. Inizio a scarabocchiare sin da bambina dalla matita ai pennelli, dai paesaggi ai vestitini, cucendoli persino alle mie bambole. Per un periodo mi avvicino alla moda, disegnando gli abiti che vedevo sulle riviste o in tv (rimarrà un sogno nel cassetto). La mia passione per il disegno e l’arte in genere mi portano ad intraprendere gli studi artistici:"Maturità d'Arte applicata sezione metalli" imparo discipline bellissime dal disegno dal vero a quello geometrico e professionale; dalle discipline plastiche (fatemelo dire lavorare con l'argilla ed il gesso è una figata) ai laboratori di smalto, sbalzo e oreficeria. Mi si apre un mondo ma vi assicuro difficile che tutto questo diventi una professione vera e propria. Dopo la maturità mi trovo tra un bivio Accademia di belle Arti o Architettura, scelgo la seconda, precisamente indirizzo “storia e conservazione dei beni architettonici e ambientali”, termino gli studi e l' abilitazione. Oggi sono un Architetto abilitato e per il momento faccio altro, ma il mio chiodo fisso è l'arte e naturalmente la voglia di esercitare la professione. Dopo la laurea mi preparo per conseguire l'esame d'abilitazione,durante il tempo libero inizio per gioco a frequentare dei corsi di pittura da un'amica di famiglia(bravissima pittrice). Inizio ad avere dimestichezza con i pennelli e ad imparare qualche tecnica, ovviamente bisogna esercitarsi tanto e sono ancora alle prime armi, ma è una soddisfazione riuscire a creare qualcosa con le tue mani. Nasce l’idea di creare un blog, inizialmente titubante, decido appunto il titolo “Primi passi per creare”, ovvero primi passi per realizzare qualcosa con impegno e sacrifico, primi passi per arrivare ad un obiettivo. E poi sono ancora alle prime armi e non ho la presunzione di paragonarmi ai mostri dei pennelli e del disegno. Sul blog troverete piccole tecniche che ho imparato e che cercherò di perfezionare (tempo permettendo). Seguitemi sui social. E buone creazioni a voi!
    Primi passi per creare il scrive:

    Ciao ho ricevuto il premio Versatile Blogger… adesso passo la nomination a te e spero che accetterai questo premio da parte mia. leggi il post: http://primipassipercreare.wordpress.com/2013/09/22/premio-the-versatile-blogger-award/

  10. Eccezionale! Sembrava quasi un film del terrore, finché non è arrivata la fanciulla tanto sognata dal ragazzo che con una manata ha ripristinato il tutto.
    Ma la slot, la mangiasoldi è stata esemplare prima a ingollare con fatica i trenta euro, poi a restituire il maltolto alla persona sbagliata.
    Sembrava una di quegli oggetti che Stephen King faceva animare nei suoi libri.
    Veramente un piccolo ma grande e piacevole racconto che hai messo in piedi con grande abilità narratoria.

  11. Piace moltissimo anche a me: il contenuto, la foto, il titolo (amo il “suono” della pioggia!), e scrivi in modo davvero perfetto… te lo dissi tempo fa e non mi stancherò mai di dirtelo… Complimentissimi!

  12. Credo di essere una persona molto razionale, ciò nonostante parlare sempre di coincidenze mi pare riduttivo, almeno quando si ha a che fare con le macchine. Ho assistito alla morte prematura di gran parte dei miei elettrodomestici nel giro di 9 mesi. Mi son detto: “si sono parlati, non può essere una coincidenza”. Ho preferito non pensarci per molto tempo, mi sono tranquillizzato solo quando sono riuscito a farmi venire un’idea convincente: “la rete elettrica è l’unica cosa che li accomunava, deve essere per forza quella maledetta 220 volt alternata”. Eppure non sappiamo niente delle macchine che utilizziamo tutti i giorni, il mio telefono del resto, anche quando lo spengo, rimane in leggero ascolto, in stand-by si dice, e comunica con la rete, UMTS in questo caso. Niente di più ir-razionale.

    • Poi arriva il giorno in cui le macchine si organizzano nella rete artificiale Skynet e ci troviamo tutti a dover proteggere Sarah Connors…
      No, a parte gli scherzi, capisco cosa intendi dire. Solo in quest’ultimo periodo ho portato a Poggiobrusco due stampanti (non nuove, per carità) dopo che una prima stampante (anch’essa usata) si era rotta misteriosamente. Anche le due stampanti, a distanza di una settimana l’una dall’altra, si sono fermate, definitivamente, per motivi diversi e in modo del tutto inusuale. Confesso di aver pensato a un virus che colpisce solo le stampanti di una certa marca che entrino in quella casa. Mi sono frenato dal cercare un antidoto su internet proprio perché credo di essere (ancora) sano di mente.

  13. Bello: comunica il senso che se ci credi vai comunque avanti…
    Ogni chance va presa!!!
    La narrazione è così viva che mi sento in ansia da prestazione a scrivere un commento adeguato…
    CIAO

    • Non sono convinto che una botta a un erogatore di benzina faccia tornare la corrente elettrica. Credo piuttosto sia stata una coincidenza sorretta dalla errata (quanto diffusa) convinzione che basti una manata per far ripartire dispositivi elettrici o elettronici.

  14. Bellissimo racconto. Si legge che è un vero piacere. Non è avvenuto l’incontro con la ragazza ma direi che ci ha guadagnato il rapporto con il padre.
    Complimenti. Ciao, Pat

  15. Una riconciliazione con il padre vale di più di 30 euro di benzina

    Ps cmq non avrebbe potuto fare lo stesso benzina anche se fosse tornata la luce e quindi l’unica soluzione era: chiamare il padre

    Ps2 ma se avesse aspettato forse avrebbe conosciuto quella ragazza e tutto sarebbe cambiato

    • Una riconciliazione con il padre non ha decisamente prezzo.

      Ps non avrebbe potuto fare lo stesso benzina, ma avrebbe portato a casa il buono-benzina, utile per un’altra volta.

      Ps2 se avesse aspettato, si sarebbe accorto che la ragazza che a quell’ora stava facendo benzina, era la sua.

      • Sai che avevo pensato che fosse la sua ragazza? Solo che poi l’ho trovato strano e ho lasciato cadere il pensiero immaginandomi un futuro diverso se avesse aspettato

Lasciami un tuo pensiero Annulla risposta