Gocce

PaeseSaranno state le due del mattino, forse le tre. Marta aprì un occhio. Qualcosa l’aveva svegliata e rimase in ascolto. Sì, era il rubinetto che perdeva nel bagno, non c’era dubbio. Si girò dell’altra parte sperando di riprendere sonno. Ma come accade sempre in questi casi, il rumore inghiottì tutto il silenzio della notte.
Si alzò con gli occhi chiusi inciampando nelle ciabatte abbandonate ai piedi del letto, sbatté una mano contro la porta semiaperta del bagno ed entro tastando il lavandino. Strinse i rubinetti. No, la goccia malefica c’era ancora. Si trascinò fino in cucina, alzando appena una palpebra. Non voleva correre il rischio di cadere per terra. Chiuse a fatica anche i rubinetti del lavello. Il rumore persisteva. Richiuse gli occhi alzando la testa come una marmotta uscita dalla tana quasi volesse capire da dove soffiasse il vento: orientò le orecchie. ‘Accidenti’ pensò ‘viene da fuori!’ Brontolando tornò in bagno e con due pezzetti di carta igienica si fece dei tappi soffici per le orecchie e tornò a letto. Non fece in tempo a mettersi sotto le coperte che si addormentò. Con le orecchie tappate non sentì però la sveglia e quando si accorse che era tardi Marta si scaraventò a lavarsi e a indossare il primo vestito che trovò nell’armadio. In strada si accorse che il rumore della goccia era molto forte. Accelerò il passo verso l’ufficio che per fortuna non era lontano. Quando arrivò in piazza non riuscì però a passare per la gente che vi si era radunata nonostante l’ora. Si sarebbe detto che tutta Lughi fosse già in piedi.
‘Che succede?’ disse tra sé e sé.
«Il cielo perde…» disse un vigile urbano che l’aveva sentita indicando un punto indefinito sopra la sua testa.
Marta levò anche lei lo sguardo e vide che dal cielo cadevano una dopo l’altra, in modo ritmico, grosse gocce d’acqua. Una larga pozzanghera si stava allargando, poco distante, sui sampietrini. Il cielo era azzurro e sereno: neppure una traccia di nuvola era lì a giustificare quello stillicidio. La gente reagiva borbottando e ognuno diceva la sua. C’era chi rideva, chi osservava il fenomeno con preoccupazione e chi aveva la sua brava spiegazione scientifica.
«È chiaro che è tutta colpa dell’effetto serra» fece il prof. Quintili rincalzandosi sul naso gli occhialetti d’oro.
«Ma mi faccia il piacere, lei, con il suo solito effetto serra…» sbottò Mario il sindacalista. «È evidente che è un liquido di raffreddamento di qualche satellite militare di cui ovviamente ignoriamo l’esistenza…»
«Sono lacrime, amici miei, sono lacrime…» si sentì dire d’un tratto. Tutti si girarono verso quella voce. Era Annibale, il barbone sempre ubriaco di via Marinetti. «Questa notte ho sognato la Madonna» continuò lui ieratico «e mi ha detto che cadrà una Sua lacrima per ogni peccato da me commesso nella vita… Ma non vi preoccupate non ne ho commessi poi così tanti.»
Ci si sarebbe potuto aspettare, a quel punto, che vi sarebbe stata una risata generale essendo conosciuta la persona che aveva pronunciato quelle parole. E invece gli astanti si guardarono a vicenda, sgomenti.
«Anch’io ho sognato qualcosa di simile» rivelò incredula una donna anziana. «E la Beata Vergine mi ha detto che i peccati che piangeva erano quelli miei…»
«Anch’io ho fatto lo stesso sogno» fece un uomo sulla quarantina, ben vestito, con un quotidiano intrappolato sotto il braccio.
Molti altri ‘anch’io’ risuonarono ben presto nella piazza.
«Perché mai la Madonna dovrebbe prendersi il disturbo di piangere per le anime peccatrici di questo insignificante paesotto?» fece zia Pina con la borsa della spesa ancora vuota. Nessuno seppe rispondere.
«Ma non capite?» chiese retorico padre Ercole uscito di fretta dalla chiesa con un occhio al cielo. «Non sta accadendo solo qui, presto capiterà ovunque se non sta già succedendo. La Madonna piange per i peccati dell’umanità intera. Presto saremo sommersi da tutte le Sue lacrime.»

28 pensieri su “Gocce

  1. doraforino – Milano – Sono un' insegnante che ora si gode la pensione, privileggiando il tempo libero con la scrittura, Lettura, comunicazioni, eventi poetici e weekend dagli amici...A presto ! Dora
    doraforino il scrive:

    Non direi proprio, non è un racconto surreale ,bensì capacità di vedere oltre la materia, troppi mali affliggono l’umanità…
    dora

  2. gabrieleromano – ITALY – ⚡ COMPUTER ENGINEER AND SURVEYOR I am passionate about sports and nature I love to travel (when I can) I like to take pictures ☌
    gabrieleromano il scrive:

    ti faccio i miei complimenti sia per il post che per il blog 🙂

  3. paulabecattini – Scrivo poesie dall'età di quindici anni. Raccontano molto di me e dei sentimenti umani in generale. Scrivo anche racconti gotici e noir, dove prevalgono le ossessioni. In tutti questi anni ho partecipato a pochi concorsi letterari, ottenendo una Segnalazione della Giuria con "Odisseamore" al XII Concorso Nazionale di Poesia Daniela Pagani - Manuela Masi (a cura del C.A.L.C.I.T. Chianti Fiorentino) nel 2002 e il secondo premio “Tema libero” con "D’amore e note" al premio di Poesia 2009 “Raffaello Cioni” - VII edizione. È stata inoltre pubblicata la poesia Stone nella raccolta della 2a edizione del Premio Nazionale di Poesia 2004 “8 Marzo... e non solo. Il tempo del mondo a passo di donna”. Sto lavorando a varie pubblicazioni (tra cui un romanzo) e a una personale raccolta di poesie abbinate a fotografie sia reflex che digitali, avendo anche quest’ultima passione. Esercito da oltre vent’anni la professione di grafico editoriale e pubblicitario come libera professionista.
    paulabecattini il scrive:
  4. Mi piace questo post per il crescendom del tono narrativo.
    Dunque solo Marta ha dormito tranquilla, perché è senza peccato?
    I complimenti sono d’obbligo per come ha saputo porgere con naturalezza un evento del tutto irrazionale.

    • Hai saputo raccogliere un risvolto che era nascosto tra le pieghe del racconto e la cui spiegazione richiederebbe ben più di una pagina. Bravo, sei molto attento.

  5. Col tuo stile inconfondibile sei riuscito a calare in uno scenario di quotidianità una manifestazione divina…passando con naturalezza dalla descrizione di una giornata di routine alla descrizione di una apparizione mistica…sei mitico!!!

      • Fantastico, che ne pensi di questa sua citazione:
        “Trovarsi d’accordo non sempre significa condividere una ragione, la cosa più abituale è che un gruppo di persone si riuniscano all’ombra di un’opinione come se fosse un parapioggia. (da L’uomo duplicato)”
        Ogni parola che dici mi fa pensare…anche i tuoi commenti sono per me una fonte inesauribile…
        Ciao!

        • Penso che avesse ragione: l’autonomia di giudizio e la consapevolezza delle proprie credenze sono un bene raro. Soprattutto in Italia 🙂

  6. Alessandra Bianchi – Mi chiamo Alessandra Bianchi. Amo ballare, nuotare, il sole, il mare e il vento. Ho scritto un romanzo,"Lesbo è un'isola del Mar Egeo" (Borelli Editore, collana Pizzo Nero), che era reperibile nelle migliori librerie (Mondadori, Feltrinelli, etc.) e su vari portali (IBS, ad esempio); ma che adesso è esaurito. Il libro costava 12 euro. Il mio secondo libro si intitola "Sognate con me" ed è una raccolta di racconti, tratti dal mio blog. Costa 10 euro.
    Alessandra Bianchi il scrive:

    In tal caso, ci sarà il diluvio universale, temo.
    Come sempre, bravissimo!

  7. che bello questo episodio! è spettacolare la semplicità con cui riesci a farmi “vivere” i tuoi personaggi. Ogni volta mi sorprendo della tua poesia!
    è un piacere fermarsi qui e leggerti

  8. NayaN – Roma – Donna o così dice l’anagrafe. Romana, romanista, innamorata del mio uomo, dei miei cani e di un sacco di vizi. Leggo perché non so fare molto altro, scrivo per lo stesso motivo. Sociopatica per natura, spocchiosa quanto basta, detesto la maggior parte della gente essendone felicemente ricambiata.
    NayaN il scrive:

    Sono innamorata della tua scrittura. Davvero complimenti.

  9. carino davvero!
    …tanti piccoli salvagenti allora, di quelli arancioni, stagliati bene contro l’azzurro del cielo, arriveranno portati dal vento per darci un’ ultima possibilità di salvezza.
    Ciao e bravo, come sempre
    Pan

    • L’idea dei tanti piccoli salvagenti arancioni mi piace davvero. Impazzisco per i colori. Magari, visto che ci siamo, anche benedetti, e della ‘Società Salvataggio Noè’. 🙂

  10. Levysoro – Trying to be photographer, traveller, runner, father, husband, worker, blogger... but not at the same time! I love music, travelling, my wife and my son (who pushed me to try this adventure...)
    Levysoro il scrive:

    Leggo con attenzione ogni post che scrivi e più di qualche volta sorrido per il loro surreal(umor)ismo.
    Grazie per questi momenti di leggerezza.

    Luca

Lasciami un tuo pensiero Annulla risposta