Greenstar

La catena avveniristica Greenstar aveva aperto da poco uno spazioso locale in pieno centro di Lughi. Emilio Zucchelli, il geniale promotore del brand, leader della ristorazione fast food in Europa, aveva fatto della ecocompatibilità il suo punto di forza. Tutto ciò che veniva consumato nei suoi ristoranti era prodotto a impatto zero sull’ambiente. Dall’insalata agli hamburger vegetali (peraltro ottimi in forza di una ricetta segreta di cui andava fiero) dalle patatine di soia alle crocchette di mais, dalla frutta DOC ai gelati artigianali; ogni prodotto era coltivato sul posto o in aree a trattamento rigorosamente biologico per poi essere trasportato sul luogo della trasformazione con furgoni elettrici o in bicicletta.
I lughesi erano però scettici e il giorno dell’inaugurazione si presentarono copiosi all’appuntamento più con la voglia di criticare che di apprezzare la novità.
Tra i clienti c’era Clara, vegan animalisita arrabbiata, che si era messa in fila come tanti altri giovani, pronta però a cogliere la minima incongruenza per confezionare un altro dei suoi articoli di fuoco da pubblicare nella sua rubrica settimanale su Lughi Sera. Aveva già in mente il titolo: La spazzatura verde sbarca in città.
Nonostante tuttavia fosse entrata da qualche minuto, tutto le sembrava gradevole, così come del resto si poteva leggere in tutte le ultime recensioni, TripAdvisor in testa; persino la coda di gente era mitigata da una solerte ragazza in pattini che, con un terminale portatile, prendeva le ordinazioni mentre le persone aspettavano in fila, per poi servirle mentre ancora attendevano il proprio turno. Sì, era tutto perfetto. Clara doveva proprio ammetterlo: l’ambiente era accogliente, il personale gentile, il prezzo conveniente e anche il cibo prometteva di essere molto buono.
Era arrivato il momento di fare la sua ordinazione quando la cassiera, nella sua linda divisa verdina, senza prestarle troppa attenzione, si mise a parlare in modo concitato in quello che si sarebbe detto un semplice orologio:
«Ho una mosca qui, proprio sulla cassa» disse nervosa.
Non aveva finito di fare la sua comunicazione che subito si materializzò un ragazzo di nome Morris, come si poteva apprendere dalla targhetta appesa al taschino della sua divisa anch’essa verdina, che subito si mise a cercare con occhi indagatori l’insetto molesto. Clara capì cosa stava succedendo e inveì:
«Ma bravi! Fate tanto gli amici degli animali e poi appena c’è un’umile mosca che dà fastidio alla vostra scintillante immagine scatenate tutta la vostra bieca ferocia… Cosa farà ora? La brucerà viva con qualche racchetta elettrica? Le spruzzerà con qualche potente insetticida che la farà morire tra spasmi strazianti e atroci tormenti?» domandò indignata lei con entrambi i pugni sui fianchi.
Morris sorrise e con un breve e leggero movimento della mano tolse con due dita un triangolo di stoffa da qualche cosa che aveva sul palmo dell’altra; liberato dal cappuccio, il camaleonte assunse immediatamente il colore delle dita che lo sorreggevano. Poi, ruotati un occhio in senso orario e l’altro all’incontrario, estroflesse in un lampo e con un schiocco sonoro la lingua lunghissima che afferrò la mosca al volo. Morris, sempre con delicatezza, rimise quindi il cappuccio sulla testa del camaleonte e se ne andò.
«Che cosa desidera signorina?» chiese allora con gentilezza la cassiera guardando Clara davanti a lei con la bocca aperta. «Signorina, scusi… signorina?!?»

19 pensieri su “Greenstar

  1. melodiestonate – IO-------- Decisamente Testarda, Occasionalmente Stronza, Saltuariamente Scrittrice, Deliziosamente Allegra, Capricciosamente Lunatica, Assolutamente Emotiva, Perennemente Orgogliosa, Mentalmente Intuitiva, Eternamente Sognatrice, Innegabilmente Curiosa, Abbastanza Istintiva, Permalosa, Occasionalmente Fredda, Senza dubbio Passionale, Quotidianamente Indaffarata Certamente Sensibile, Troppo Impulsiva, Molto Dolce, Perennemente Attratta, Ironicamente Acida, Sicuramente Vera, Acutamente Narcisista, Periodicamente Confusa ....
    melodiestonate il scrive:

    bellissimo racconto

  2. E’ un racconto divertentissimo ed è quello che ci vuole per far rimanere a bocca aperta una vegan animalista arrabbiata. Però poi si riprende, ed è capace anche di protestare per il camaleonte. La soluzione ideale per la Greenstar è di tenere una dionea sul registratore di cassa.
    Ciao : )

  3. nunziassuntadaquale – Roma – Osserva e Ricorda. Le immagini scorrono veloci davanti allo sguardo, a volte distratto. Osserva: sensazioni ed emozioni, scivolano addosso, come pioggia leggera e non lasciano traccia, solo una vago sentore di umido...ma osserva meglio, concentra il tuo pensiero su ogni breve istante della tua vita e ricorda... Ricorda la gioia e il dolore. L'emozione che ti avvolge, la disperazione che ti affossa in un abisso buio e profondo. Ricorda le parole, i sorrisi, gli sguardi minacciosi, l'Amore e l'Odio. La Vita e la Morte. Osservo il mondo e traduco i pensieri in parole... http:negliocchienelcuore.wordpress.com
    nunziadaquale il scrive:

    …in realtà anche il rimedio anti-mosca è molto ecologico e naturale! Come al solito ti distingui per le tue trovate originali…ora vado a leggermi gli altri post, durante questo periodo di vacanza me ne sono persi tanti!;-)

  4. Semplicemente stupendo con spassosissimo finale a sorpresa…sei geniale e fantasioso ! Complimenti 🙂

  5. vincenza63 – Writer e blogger per passione, 57 anni, vivo in provincia di Milano. Nella vita traduco testi tecnici e scrivo. Sono un'appassionata di musica, letteratura, amici, allegria, meditazione e riflessione.
    vincenza63 il scrive:

    Assolutamente divertente!

  6. N.I.W. – Altrove appaio come Cribbio, canto e suono. Potete ascoltare il mio primo album, DISAGIO, su tutte le piattaforme di streaming digitale, oppure seguirmi su Instagram (@cribbioindivenire)
    Mnemonauta Onirico il scrive:

    Attimi immortalati in diapositive di denso valore contenutistico, seppur paradossale, che lascia perplessi sul finire. Una materia da trattare con molta delicatezza e professionalità, come dimostrato nella maggior parte degli scritti. Qui, poi, i risvolti dell’intera vicenda (soprattutto la reazione di quella Clara che cerca non di trovare quanto di creare difetti, riconducibili a qualsiasi gesto ed azione a causa di aspirazioni palesemente utopistiche, e il comportamento assunto da Morris) divengono veri e propri emblemi d’un grottesco gioco di società nel quale tutti noi siamo coinvolti, ognuno con le proprie parti, pronte a tradirsi e contraddirsi. Davvero, bel racconto, anzi bel progetto!

  7. Molto piacevole! Mi sono perso soprattutto ad immaginare questo utopico negozio a impatto zero (ma zero assoluto). E anche la “vegan animalista arrabbiata”, per quanto volutamente stereotipata, è stata piuttosto efficace.
    Un bel pezzo, felice di averlo letto
    A presto
    F.

  8. Nina Trema – Guildford, UK – Hi, everybody! My true name is Annarosa Girardini and, as a narrative designer at Dreampainters software, I wrote for horror games like Anna – Extended Edition, and the upcoming Nascence. I write both in my native Italian and in English. Nina Trema is my current nickname.
    ninatrema il scrive:

    certe persone sono talmente impegnate a dirsi che non si mangia la carne da scordarsi che gli animali lo fanno e si uccidono fra loro in modi terribili. Bisogna puntare a migliorarsi, ma la verità non si può non vederla, quando poi è una linguetta guizzante… 🙂

      • Nina Trema – Guildford, UK – Hi, everybody! My true name is Annarosa Girardini and, as a narrative designer at Dreampainters software, I wrote for horror games like Anna – Extended Edition, and the upcoming Nascence. I write both in my native Italian and in English. Nina Trema is my current nickname.
        ninatrema il scrive:

        piacere mio 🙂

  9. Sembrava un articolo di giornale. In realtà è un post spassosissimo.
    Mi pare di vedere Clara a bocca aperta col camaleonte ecocacciatore che fa colazione.
    Complimenti.

Lasciami un tuo pensiero