Il segugio

 

La prima volta che si accorse di lui era fermo all’angolo della piazza con una rivista in mano e gli occhiali scuri. Non era granché come segugio, anzi faceva piuttosto pena dal momento che la rivista era tenuta in modo così innaturale che solo gli occhi di un camaleonte avrebbero potuto leggerla. Un’altra volta, lo stesso tizio era seduto in macchina, proprio all’uscita dell’ufficio. Appena lo individuò dal portone, lo vide goffamente scivolare sul sedile di guida per non farsi notare, continuando però a spiarlo tra le razze del volante. Con quel berretto blu da mozzo di peschereccio lo si sarebbe potuto notare anche all’interno di uno stadio. Quel pedinamento maldestro lo indisponeva, ma che pensava sua moglie? Credeva forse, lui che era stato nella polizia, non se ne sarebbe accorto?
Fu solo quando se lo vide passeggiare con il cane anche nei pressi della casa di campagna che decise di fare qualcosa. Attese che il tizio il giorno dopo si trovasse ‘nascosto’ nella sua solita macchina per strisciare fuori di casa passando dal tetto e infilarsi nella tromba delle scale del caseggiato vicino. Impugnando la pistola d’ordinanza gli arrivò carponi alle spalle e all’altezza della portiera si levò di scatto piazzandogli l’arma sotto il mento. Si sentì un urlo.
«La devi piantare di spiarmi» gli disse tra i denti, premendo con forza la canna sulla giugolare. «O qui finisce male. Dì a quella baldracca di mia moglie che non riuscirà a spillarmi più soldi di quello che già non abbia fatto».
«Mo-moglie?» balbettò il tizio. «Ma no! Che dici… non sapevo neppure fossi sposato.»
«Come?» fece lui abbassando la pistola. Il tizio si era fatto bianco in volto e sembrava non riuscire a respirare. Ci mise un po’ per riprendersi e poi disse: «Ma sì, tu non ha capito… accidenti, Luca… e va bene… non ho mai avuto il coraggio, ma visto che mi hai scoperto te le devo proprio dire… io ti amo».

5 pensieri su “Il segugio

  1. Fortissimo Briciola che bella risata
    finale mi sono fatta!
    Sei come il buon vino ogni giorno
    diventi migliore!
    Salutoni Elena

Rispondi a utente anonimo Annulla risposta